Home Bruno Betti

BETTI  BRUNO
Raccolta di poesie in dialetto urbinate (fermignanese-fanese?)

 

Chi sciacqua, sciaqua!
Premessa
01- L'acquedotto
02- El Pirol !
03- La protesta del cani
04- II venerdì santo a Fermignano
05- Rimembranze
06- II selciato
07- II carnevalone a Fermignano
08- I disoccupati
09- Il poeta Cicerone
10- Il sacco di bugie
11- Macchietta elettorale
12- Tu non tessi e tu non cuci
13- Un viaggio all'inferno
14- Chi la fa l'aspetti
15- La suocera
16- Le nostre mogli
17- D'chi la colpa?
18- La situazione
19- La fin del mond
20- Picchio e la radio
21- Chi deve venire ecc.
22- Un giorno a S.Girolamo
 

Chi sciacqua, sciacqua II parte

 

 

CHI SCIACQUA,  SCIACQUA !

 

Bruno Betti non è riuscito nell'intento di riunire le poesie dialettali in raccolte.  Queste venivano distribuite in fogli dattiloscritti ed alcuni pubblicati nei giornali periodici o numeri unici di Urbino. Quindi questa raccolta di poesie è stata solo   architettata ma in realtà mai uscita, perchè nessun urbinate di quei tempi ne ha ricordo. Si deve pensare che la stampa a quei tempi era impegnativa e onerosa; i modi più economici erano prima la fotolitografia e poi il ciclostile.

  

 

Poesie in vernacolo urbinate

 degli anni 1920 - 1967

 

 

Nota del webmaster: Il dialetto di Bruno non è solo urbinate ma contiene spesso assonanze e trascrizioni estranee.  Queste probabilmente derivano dalla sua origine fanese (vedi biografia) e da diffuse amicizie e frequentazioni nel fermignanese.

 

 

 

 

 

In Fig. una caricatura in carboncino di S. Fiume del 1936

 

AGLI AMICI URBINATI
(
Premessa dell'autore)

 

Molti urbinati e in special modo quelli che si trovano fuori di Urbino e più quelli che se ne trovano fuori da parecchi anni, troveranno in questo mio volume di poesie dialettali, vocaboli che non sono esattamente corrispondenti ai vocaboli del dialetto che si parlava anni fa.

Credo mio preciso dovere premettere brevi dichiarazioni, perchè una buona volta si smetta di dire che io trasformo e plasmo il dialetto a piacer mio.

Inutile il vostro affaticarvi per anni ed anni alla ricerca di quello che secondo voi sarebbe il vero, il puro dialetto urbinate, inutile dico, perché il vostro non piccolo sforzo è vano.
Il dialetto non è un fossile, non si può afferrare e stringere nei lacci di uno schema rigido ed eterno. Non lo possiamo imbrigliare con regole dogmatiche, fisse ed immutabili, valevoli ieri come oggi, domani come fra cent'anni.

Questo è impossibile per una lingua ed è a maggior ragione impossibile per un dialetto, che è qualche cosa che continuamente, se pure lentamente , si modifica e si trasforma, poiché continuamente si modifica e si trasforma e cambia il popolo che lo parla.

Io mi sono dunque attenuto in queste mie poesie, ed almeno la credo, al dialetto vero, a quello che il popolo parla oggi e che appunto per questo è il solo, il vero, il puro dialetto urbinate.
Questo modestissimo libro, che ho fatto stampare, stimando di incontrare il favore di tutti gli urbinati, vuol essere la dimostrazione di quanto dico.

 

(Nota dell'editore)

Il poeta dialettale urbinate, Bruno Betti, ha progettato di raccogliere in un volume che aveva creduto di imminente pubblicazione (in 500 esemplari numerati) alcune delle sue poesie più caratteristiche, le quali tanto successo di pubblico e di critica hanno incontrato di volta in volta.

Crediamo fare opera gradita nel seganalarLe tale prossima pubblicazione che s'intitola:

 

CHI SCIACQUA, SCIACQUA

 

Le poesie del Betti, di spirito prettamente urbinate, fanno rivivere l'ambiente di quello che era Urbino anni or sono ed oggi. Anima di popolano che conosce intimamente i costumi e le usanze degli urbinati, egli ha cercato tutte di ritrarle al naturale dandogli sovente quel tocco d'artista che lo rende originale e che fa delle sue poesie una gradevole lettura e che meritano ammirazione ed incoraggiamento.

Al poeta voti che questa pubblicazione incontri il favore di tutti gli urbinati.

Il volume è dotato di ricche illustrazioni. Attraverso queste si può rivivere in qualche angolo della vecchia ma sempre gloriosa e bella Urbino.

Il poeta sta curando la buona riuscita in tutto di questa pubblicazione perchè riesca di gradimento e degna dello scopo.

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 1 - L'ACQUEDOTTO

 

Ogg sì ch'io i dagh vicin!...

Ho but d' più qualch bicchier d' vin...

Ve dirò in quattro e quattr'ott

La vrità su l'acquedott!...

Un sussur per la città

Perché d' sèt più 'n s' morirà...

Tutti c'hann el cor content!...

Per chel giorn festeggiament,

Manifest pr' ogni canton,

Una gloria, un figuron!...

Ed infatti in t'un chel giorne,

Tutt Urbin ed i d'intorne,

I poret, i gran signor,

Via a veda chi lavor!...

Tutt i nostre falegnèm

Impieghèt hann el legnèm

Per le barch e le barchett,

Chi più larghe chi più strett,

Per paura, sti minchion,

Niente d'men dl'inondassion!...

Paolucci ha dett: «En s' sa!...»

Ha lascèt l'antichità,

E ha mess tutt i lavrant,

Per le barch e i galleggiant...

 

Su ma 'l Mont c'era 'na fila

De person, più de cinqumila!...

Dop chla banda ha dat de mèn,

Ma la solita "Canzèn",

Pietre, el sinich, tra un bacchèn

E un scrull de battimèn,

Monta su sopra un banchett

E ce fa st' bell discorsett:

«Onovati cittadini!...

Oggi, sapvono i destini!

E' il lavovo, è la scienza,

Che con bella vesistenza,

Il lavovo oggi ha compiuto!

Mille litvi e più al minuto!...»

 

Bene, bene, viva, viva!

Fa la gent tutta giuliva...

Pu'... 'n silensi da campsant...

I pess gross se fann avant

Per stapè chel tub de fer

E dai sfogh per fé uscì 'l mer...

Stevne tutti tle barchett,

Com le 'ringh, anca più strett!...

Via ch' dann ma 'l tub un gir...

Tutti artneven el respir

E ma 'l tub cmincne a guardé

Com se 'l vlesser gì a succhiè...

Pietre, pu' ch'era vicin,

E' montèt sopra 'n tavlin!...

Ecch chel tapp è bell e git!...

Jeso mamma! 'I occhj chiudit,

Morirem tutti affoghèt!

Ecch!... Dio mio!... l'hann stappèt!...

Gent... appena 'l tapp è fora,

Niva un ragg d'un litre all'ora!...

Arvan via 'i urbinèt,

Avviliti minchionèt...

 

Sempre nó sèm i minchioni...

Tutt acsì st' ministrasion!...

I falegnèm pu' più de tutt,

Vist le barch armast al sciutt:

«Èm sprechèt tutt el legnèm,

Per tutt quest, or ch' sa magnèm?...

En spodeva armanna intes?

S' risparmièva tutt ste spes!...

Ch' nó c'avesme l'acqua a buss

En c'credevne anca sti pruss?»...(*)

Calmi van sti contadin,

Dal prim nostre cittadin,

Insistend per un'udiensa

D'una cosa d'grand urgensa:

«Signor siniche, bongiorne!...

La gran fama in t'i dintorne

Dl'acquedotte è arrivèta

Se pol dì, quasi d'volèta ...

Non sapreto con che coro

Avem appres del nov alloro

Che in chla gran giornèta d'festa

V'hann schiaffèt intond t'la testa».

«Basta, basta, di quel loco

Non pavliamo ...  dimmi un poco,

Cosa bvami, figlio cavo?»...

«Ecch nuatre vresme un cavo

Che portassa anca ma nó,

Un gocc d'acqua, com ma vó!...»

«Non ti posso accontentave

 Pevchè sa da tervminave ...

 Ma pevò passato il chiasso...»

 «Sce! Ma nó paghèm le tasso

 E per quest avem diritto!

 C' tocca bè malì infilsitto

 Chl'acqua nera d'una fogna!

 Signor siniche: vergogna!»

 «Figlio cavo, abbi pazienza ...»

 «Sce! Ma lei, diga, fa sensa ?

Lei en bevo alla maialo,

Lei per l'acqua, en stèt mai malo

Quant c'è 'l tif o qualca pesta,

Sol ma nó d' campagna, infesta!...

È tutt quest pu' succed sol

Ch' manca l'acqua t'el balsol!

Donca adessa, st'acqua c' l'ha

E perché ma nó 'n c' la dà ?»

«Ma si, si, avlete tutto...

Non movetve nell'asciutto...

Quest' altv' anno vi favemo

Tutto quanto... poi vedvemo...»

«Oh, adessa parla beno!...

Signor sinich, me convieno

Fai 'na dimanda, ditto è vero

Che t'un post, già hann fatt el mero ?!»

Per fortuna ch'entrèt Fossi

Pr' annunciè ch'entrava Cossi,

Se no, quel, se 'n giva fora

Gent passeva un brutt quart d'ora!

 

E lasc gì... ch' cmincia a fass nott...

E pu', gent guardèt so' cott ...

Vo guardèt com me so' ardott

Per l'imbroi de st'acquedott:

Benché 'n c'ho manca un guadrin,

M' tocca, a cricca, beva 'l vin!

 

(*) Pruss: probabilmente, prussiano, crucco

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 2 -  EL PIROL

 

T'el canton 'na massa d'gent

Fa i mucc'he, 'i assembrament,

Com se fossa qualcun svnut!...

Tutti guardne e restne mut...

Pass, malì, propi per chès,

E anch' i' ch' so ficcanès,

Sa qualch pugn e qualch spinton,

Vagh in mezz cla confusion.

Guard!... E vegh, da Lucciarini,

Un lavor!... propi d'chi fini!

Ecch, insomma, chi lavor,

Sensa grèsia, nè color...

(Quest da nó se ved dispess)

Un baston fèva listess

E anca più bella figura...

Dmand ma un ch' c'era da 'n pess:

«Cosa serv chel pirol d'gess ?!

E', dit, fors, qualch invension?...

E' un stupacc per i canon?...

E' la torr de qualch castell ?

C' vegh ancora du uccell...»

Quel me guarda e batt el tacch...

«En el so! me rispond fiacch,

E' du' or ch' stagh a guardè

Ma en ce poss gnent arcapsè...»

«C'è 'n elmett e 'n schiuppacc brut,

Sarà i cipp per i cadut!...»

«En giret a cerche 'l lott,

Me prendet per un fagott ?!»

«No, scusèt,... ma capirà...

Io ho dett ma vó: sarà!...»

Dmand ma un più istruit:

«Oh, dicet, vó che sét git

Alla scola d' belle arti

Quel ch' sa è?» Me rispond: «Parti!

Animale! E' il monumento!...»

Oh! ..ma guarda...Accidento

Chi spodeva orizontè?...

E giù anch 'i  occhj a infilsè

Pr' ammirèl a destra e a manca.

Quand pu' l'occhj un po' se stanca

Fagh un ampio dietrofront.

Quand vicin so' ma la font

Sent a dì: «Eh, disperato...

Dì, ti piace quell'alato

Monumento?...»  «C'è da dire...

E, poi, dimmi, quante lire

Se spendrà per fé chla pila ?»

«'Na sciocchessa... stantamila!

«Ah! La chièmi 'na sciochessa ?

Va ben ch' sèm sempre tl' armessa...

Tl' acquedott, chè pu' è in bon stèt,

Seicentmila n' hann sborsèt...

Stantamila, adess, machì,

Dimm un po' dov gim a fni?...»

«Ma tu devi un po' pensare

Al lavor che sa da fare,

La colonna, guarda, è un astro!

Pensa tutta d'alabastro...»

«Alabastro ?! El fiol d' Vittori ?

Quel ch' ce dà i button davori?...

Osteria, el so ch'è bell

Ma 'n me passèva pel cervell

Ch' lu valessa tant baiocch!»

«Caro mio quant se' sciocch...

L'alabastro è una pietra

Liscia avanti com de dietra!...»

«Ah!... ho capit! si!... ho capit!...

Guarda un po' st'imbarbugit

Tanti sold butten a mèl

Pr' un pess d' pietra e du animèl!»

Pori fioi!... Pori soldèt!

Dop ch' tant sangu' avet versèt,

Dop ch'è vostra tutt la gloria,

Dop ch'avet vut la vittoria,

Stèt in pèc, che 'l vostre stèt

E' molt ben ricompensèt!

El compenso del valor

E': 'n pess d' pietra de color!...

Io me dmand: fora per tutt

St' monument per i cadut

E' 'na cosa ch' s' pol mirè

E a stuff se pol guardè...

Vedi p'r aria una vittoria

O un soldèt copert de gloria

Ch' va all'assalt, oppur te scruta...

Gent, in t'na colonna muta

Cosa s' ved? Via sèm schiett

Sa chi sold ch' malì se mett,

Io en so tant competent,

E 'n vien mej el monument ?

E quei ch'èn del comitèt

Voi sperè ch'avrann guardèt

Sa 'i occhj largh e non bendèt!...

Io diria d' lascè gì

Tutt ste mucchie d' boiarì

E pensè alfin da dà

Più onor ma sta città

Che 'n ha vut mai propi gnent

Non s'è fatt un fondament...

S'è sprechèt sol i guadrin

Sensa veda almen 'na fin

D'un lavor un pochtin seri

Fat sa 'l gust, fat sa 'l criteri.

S'è vist sol dle buffonèt!...

 

E fagh basta, ho parlèt tropp

En vria èssa d' intopp...

El giudissi adess più fin

el daran i cittadin.

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 3 - LA PROTESTA DEI CANI

 

Un manifest per gnènt accet

Dell'illustre sor Prefett

Fa la grand apparission

Dla città in tutt i canton.

E diceva, se non sbaglio:

«D'ora innanzi al guinzaglio

D'una corda tutta suola

E robusta museruola,

Tutti i cani esser dovranno!

Pena: la prigione un anno!...

Un rumor, qualch accident,

qualch sbocch d'sangv ruggit fra i dent

E giù tutti sti padron

Pronti a fè l'ordinassion

Un di nostre contadin

Ch'en c'aveva manch un guadrin,

Ferma al Dom un vecchj signor

Dicend pién, in gran dolor:

«Signor conto stia sentire

Può prestarmi cento lire ?

Non ho un soldo e quel ch'è pegg

El mi cano en va a passegg,

E il suo far non si coreggio...

Accidento, a questa leggio!»

I dic st' cont, t'un mod amér,

Capiret è tant avér,

mi dispiace, mio cosino,

Ma non ho il borsellino...

Capirai, ben volentieri,

Farei io questi piaceri...

Poi... in corso ho dei lavori...

E i quattrin gli ho tutti fuori...

Caro coso è cosa infame

Anche noi morriam di fame!

Non ci sono più contanti...

Credi pur, non si va avanti...

Un po' d'acqua un po' di pane...

E tu pensi pel tuo cane ?!»

Chel vilèn sa 'n palm de nès,

Dic: «Va mèlo par el chès...

Maledetta tutt'i cano!

Se provussa da Viviano ?»

(Accident i contadin!

Ho perdut el mi curdlin

E adess me tocca arcmincè

El raccont ch' v' avev da fè).

Donca i chèn machì d' città,

Di purett, dla nobiltà,

Hann tenut, su ma 'l ospissi,

De protesta un gran comissi.

Tutt i post erne occupèti.

Plon, el chèn de Liberèti,

Com più ansièn fu 'l president.

Una cagna sensa dent

Stèva in alt per guardè p'r èria.

Oratori, el cagnin dla segretèria,

La Zara de Giombini,

Reddo, e Flich, el can d' Santini.

A sinistra i più sever!

Tutt'i reduc dle galer

Sa 'n stendard, tacchèt t'un piol

E la scritta: Abass Risciol!

Meste in piant, sparut sparut,

Tutt le vedov di cadut,

Un chèn stort, un mezz levrier,

Un po' bianch, mezz rosc, mezz ner

Presentò sa tutt 'i onor

I descritti su orator.

Pu, Ninì arrota i dent,

Fa 'n squisset ma 'l president,

E incmincia un po' bonaria:

«E' da tempo che per l'aria

Circolavan dei reclami!

Si! Ma noi non siam salami

Da legarci in fascio stretto!

Rispondiamo al sor Prefetto

Che se lui fa mal la legge

C'è 'na schiera che corregge».

«Brava, brava! Bene, bene!»

Ecch che Flich avanti viene:

«Cani! Poch en i discors!

Affronterem la legg sa i mors!

Magnerem com un mors d'pén

El Prefett e 'l chiapachén!

Sol acsì s'insegnerà

la canesca civiltà!»

Bravo, bravo! Così impara!

Salta su subit la Zara:

«Io parlo in un delirio

Per colui ch'ebbe il martirio

Con catene e pane solo

nelle nicchie di Risciolo!

Giuro or, su la mia testa,

Che a Moscon sia fatta festa

Per spedirlo in eterno

Dall'illustre Padreterno!

Lo giurate? Lo giurate ?»

«Si sian morsi... Morsicate!

Morte, morte al chiappacanrù

Libertà per ogni cane!»

Reddo intona fra 'l content

L'inno lor, ch' va ai quattre vent...

En el so com pu' gì a fnì.

Ma sigur, o gent spol dì

Chi protesta, sia cristièn,

O ch' sia un lup o ch' sia un chèn,

Ha da èssa sempre oppress ?

Ed infatti, ho vist adess

Ch' t'el canil c' n' era sol ùn.

Dopp chel chiass, c' n' è centventùn!

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 4 - IL VENERDI' SANTO A  FERMIGNANO

 

Sèm intesi! Gim al pièn!

T'el paes de Fermignen

T'el paes di geni boni,

T'el paes de Falasconi!...

Ma quand prò tun ste paes,

Ste person en'erne intes,

I civil e i contadin,

Sol c'avevne: messa e vin!...

Per le fest d' resurresion

Hann pensèt t'na procession!...

Vist chla cosa ha fatt success

La fann sempre, ancora adess...

Quel ch' v' arcont fu del ducent...

Tutti pronti per st'ciment,

Tutti ben messi in colonna,

Con davanti la madonna,

Hann cmincèt a fè i prim pass . . .

Manch un chèn faceva el chiass!

Pièn, diceva tutta la gent:

«Se va ben com pel moment,

E' 'n success ch'en s'è mai vist»!

Ma en pensèvne che chel Crist

Fec malì, spodì all'istant,

Una sborgna d' oli sant!...

E diceva a mezza voc :

«Chi la porta adess la croc?»

El curèt de chla cappella

Vist ma 'l Crist sa chla bavella,

A girè smett com un matt

Per trovanne 'n altre adatt.

Infurièt incmincia a gì

A girè per chl' osterì

Fin che alfin a trovèt l'om

D'quei ch' ne bevne du o tre sòm.

'I fa sensa compassion:

«Te fè 'l Crist p' la porcession!»

«Vó 'l sapet - 'i dic - so' trist,

Com podria fè da Crist?»

«No! no! Se vuoi venire,

Ti regalo cento lire!»

«Quand se tratta del Dio d' lor,

Sor curèt, farò 'l Signor...»

Dop ch 'i hann mess un camisc ross,

Un cordon intorna 'l goss,

Schiaffèn su sa poch ingegn

Tle su spall la croc de legn...

E via ch'arvà la procession...

Ma ch' sa vò, malì un madon

Ma st' por Crist el fa casché.

Quel incmincia a bastimiè,

Mentre el popol s' volta indietre

E pièn dic: «Dop pochi metre,

Ce fermèm ancora adess?»

Ma la su sa ch'è success?

Un contadin, subit s'arvolta:

«È caschèt Crist p' la prima volta!»

'I fa 'n antre, pièn, vicin:

«Avrà but qualch bicchier d' vin!»

Ma lu' pront, subit de bott:

«Second vó saria cott ?»

En c'avet nisciun rimors?...

Tralascèm pur sti discors»

El cirineo appena ch' ved

Chel por Crist ch'en sf regg in pied,

Scond la moda sempre usèta,

Vers de lu' corr de volèta

Se capisc per aiutèl...

Ma 'n te va st' brutt animèl

Sa 'n pied sopra el camisciott!...

Chel por Crist arcasca d' bott

Batt el mus, ossia el becch,

Tira giù nantre du stecch,

Salsa tutt insanguinèt,

Dà ma 'l socc du tre sguercièt,

I dic pian: «Ho vut le mia,

I cont, dop, in sagrestia!»

Basta, insomma o bona gent,

Fra 'l tripudio e fra 'l content

Terminò chla sera acsì.

Ma adess prò ve voj dì,

E non è per fé la spia,

Ch' sa è success in sagrestia.

Chel por Crist, chel disgrassièt,

Vist tant mèl s'era arconcièt,

Un messèl pres all'istant

E giù bott ma l'aiutant,

Ch'era cott, più cott de lu'...

Per fortuna el pret vien su

E i divid sa du scarpèt...

E... ve prendria a pedèt

Se non fosse p'el timore

Di offendere il Signore

Che a quest'ora morto giace...

Su! un abbraccio, fate pace...

Dop 'i dà nantre chicott

E via ch'arvann tutti du cott.

Pront el pret, 'i dic da part:

«Dat ch'è fatt tant ben la part,

Sarè te sempre 'l Signor...»

«Sor curèt, sent el dolor

Dle cadut ch'io ho fatt ogg

E s' en c'ho qualch bon appogg

Non posa manca camminè!»

«Donca, el Crist te el farè!»

 

Bona gent, quel ch' s' è vist

E' fatiga anca fè 'l Crist!

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 5 -  RIMEMBRANZE

 

Guarda, guarda chi s' arved!...

Dim, com scappi te fra i pied?

Te en eri 'l mi fijastre...

- Sì... e te el mi pilastre.

- Osteria com t' s' è armolit!...

- Te se' blin, tutt rugginit...

Ste discors, en è che tant,

L'ha sentit in t'el campsant

Tra 'i cancell de chi por mort

E chel rull... ch' lavora fort!

Fa 'l cancell - Ma dimmi un poco

Mio fratello in quale loco,

Tranquill riposa o russa?...

- Sta sittin, che fra la pussa

Giorne e nott 'i tocca sta,

E' t'el centre dla città!

Ma Lavagin, per chla via...

Fa 'l guardièn dla pescheria.

- Sì, ma te, s'è fortunèt...

Guarda ch' post t' hann destinèt...

Invec io, giù arbalton,

ma la giù t'el ters torion...

El cancell pront i fa tost:

- Rull, t' arcordi el nostre post?

Di', t'arcordi la gran guerra

Prima ch' gismi giù per terra?

Che dolor, che brutta nott,

Quand le peparol c'hann rott...

Dì, t'arcordi le notacc,

Quand 'i amich, sa chi schiupacc

Stevne a petta, quatt e boni

Contra quei de Falasconi?...

Lu firmò el gran decret!

Ma 'n'è vals d'tiena 'l segret

Ben prefiss dai nostre amich...

Fu 'n contr'ordin d'una nott...

J'hann decapitèt de bott!

sempre acsì, i ver urbinèt

Resten sempre minchionèt...

Tralascèm sti brutt discors...

Cla colonna dop del cors,

Pens ch' sarà sempre malì,

Sta a sentì, io t'el voj dì,

Ma 'n te perda de Coragg...

Ecch un ver pellegrinagg!

Dop che armossa l'hann da d' là,

V'a raminga in qua e in là,

Sensa prò un mestier seri,

Sempre esposta all'intemperi...

Fec lia da sostenitor

 

Ma Barocci, chel pittor

Ch' fu la gloria un temp d'Urbin;

Ma ch' sa vò, adess purtin,

En el so com sia stèt

Da malì l'hann artirèt...

Sta colonna, a falla corta

Via, t'el fond, com cosa morta.

Vien el parch dla rimembransa, ..

Dov se fonda la speransa?

En se sà? ..Santa Madonna,

Non è bona la colonna?!

Via, ch'arvà dop tant godut

Vic alter per i cadut!...

E malì cert ce starà

Un po' d'ann e dop... chissà!

- Ch' sa me dici, Santo Dio!

Allora qua sto meglio io.

Tutti giorni, non c'è verso

Che mi accada un caso avverso.

Hi trastullo coi rampolli,

Con le pecore, coi polli,

Che di questi, credi, qua

Ce ne sono in quantità...

Ma ch' sa vò, ce vol pasiensa

Tant per nó, dimm chi ce pensa?

El cantonier en pol bade,

Te capisci, c'ha da fè...

E pu sempre ha l'umor trist...

Qualca volta sol s'è vist

Un po' allegre, al ventisett! ..

Me piacria d'fai un dispett...

Perchè crea, dop de chel giorne

En 'n 'el vedi più d'intorno.

-Cert che ogg è un brutt tempacc,

S'è ardott un gran mondacc,

C'tocca vedne d'tutt le sort...

Oh! beata chi por mort! ..

- Parla pièn, en t' fè sentì;

Ch'quei en boni da sortì...

- Non c'pensè! Appena fora

Vist che ogg tutt và in malora,

Vist st'Urbin ardott tre pietre;

Fann d'volèta front indietre:

Cercaran da gì più 'n giù;

Per en fas veda mai più!

 

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 6 - IL  SELCIATO

 

Ho! allegri!... finalment

Hann decis ohe immantinent

Sia l'evèt chel brutt impacch

E arfè nov tutt ste stradacc,

Che se'n stèvi ben attent

Givi sempre a sbatta i dent!

Ogg, perciò el gran Consilli

Ha levèt tutt i sigilli

E stansièt a là per là,

Qualch milion per la città!

Non appena la notizia,

Fec el gir, fu 'na delizia...

Capiret sti disgrassièt,

Sti affamèt disoocupèt,

Hann dett: -Ben ormai sem fora...

Dop tant temp, alfin s' lavora! .

I chèp mastre, i manuvèl,

Sa du bidon, i pich, le pél,

su in Comun, en gitti in gloria...

Un gran chiass, una baldoria...

Quand, pu dop, el sindachèt,

Quasi tutti j ha scartèt,

E ha près per i lavor,

I più scart, tutt el furor

'I è sparit com per incant!

S'è sentit cert consonant!...

Basta, cari cittadini

Chi s'ingrassa è Cappellini! ..

Vagh a veda sti lavor,

E ho ris sa chi signor

Ch'en gradivne tutt ste balz.

Se tirèvne su le calz

Per paura chla calcina

I sporcassa l'arversina.

Chi faceva foch e fiamm

Era, o gent, la Pia Barlam!

Giva a destra, a sinistra,

Propi com una ministra,

Nassichèva fort la testa,

Se tirèva su la vesta

Per paura de sporchès.

Guarda, allora, propi el chès,

Va inciampè in t'un cordlin,

E se 'n c'era 'l matt Jachmin

Front e svelt per archiapalla,

Va sa 'l mus in t'la mastella.

Dop, passèt ste prim impacc,

Vagh d'volèta da Gvanacc,

Ch' sa 'l piccon fèva 'n quadrèt

(Non credet ch'era sborgnèt)

Lavorèva com un matt,

Capiret era a contratt!...

E diceva: - Me, animale

Ci vorrebbe un manovale...

Quest en è 'l mestiere mio...

Sì... Ma che guadagno io?

Cert ch' ce vol la mi pasiensa?

Per sta volta farò sensa

Lavrarò 'n antre concin!

Pu...via a beva 'n bicchier d' vin!

E giù sensa corapassion

Manovrèva el su piccon!

Ma 'l pess buff è ma 'l Torrion...

Vedi tutti chi sborgnon

Ch' fann per gì 'na dirlundèna ...

Van giù tutti in fila indièna...

Dight: -Pinocchio, me s'è dì

Perchè te passi machì?

E lu: -D' là fann el selcièt,

Chi c' sicura 'l nostre stèt?

Sol per quest passèm ma qua.

Perchè, fors, ma te en te fà?!

Fagh du pass e sent un bott!

Era git t'un chiavicott.

tre donn che a seda stèvne

Contra questi ragionèvne...

(Dighen ch' sia 'n Mantovèn)

Fa 'na brutta com un chèn,

Io non sò, in questa Urbino

Sol si smercia del gran vino...

Ora poi, son dieci giorni,

Tutti cotti! sembran storni...

-Ho! là; la! Le i può capire...

Qua la vengono a sbalzire...

Ved ma quel?... Bev com un matt!...

Perchè s' bev, bev a contratt!

Chl'altre pu è bon, t'na nott,

Da scolè 'na messa bott...

- Ma lei, no, non darà retta!

- Poch...dicem: qualca foietta!...

Ma non vagh a trovè i fondi...

El sapet chi era?... Abbondi!

Ma in città tutt avvilit,

Se scaièva, sa 'l piancit

Perchè un sold en guadagnèva...

Chi ? .. Ninacca! Brutt guardèva...

Chè j 'ngles chla brava gent

Visitè non vleven gnent

Perchè 'n vievne gì su a terra,

E per st'ann ce fann la guerra,

E bon bsogn per ste selcièt

Non avrem più st' incantèt.

In chel mentre Salmi ex pcin,

Ch'arrivèva sa 'n fiasch d' vin

Ma chl' ingles tant papagall

Sa 'n scarpon i pista un call!

Dop avut anca st' affront

Fa d' volèta un dietro front,

E Ninacca, sa poch fièt,

Che la mancia en 'i ha lascèt,

Dic: -Turista, sor inglese

Niente, niente per le spese?

E quel dur: -Voi fatto danno

Mancia avere altro anno!

Ecch perchè quand ved ch'inciamp

Sa 'i occhiacc manda certi lamp...

Capiret, ma st' disgrassièt

Tutt l'estèt 'i hann rovinèt.

Ma en dit gnent ma lu, però,

Che per fnill quand c' vol i' el sò:

Prima ch' tutt ch' sia terrminèt,

Sa i lavor per ben contèt,

E contèt propi all' istrett

Ce vrà almen un cinqu annett!

 

 <INIZIO PAGINA>

 

 - 7 - IL CARNEVALONE A FERMIGNANO

 

 D'quel ch' v'arcont, ogg oh gent mia,

Non c'è l'ombra de bugia.

Chi c'è stèt e era present

Tu 'n chel grand avveniment

Ch'è success in chel paes

D' Fermignèn, quest sottintes,

Ve 'l potrà testimoniè.

Donca, un giorn vdem attacchè

Su pi mur un gran proclama

Colorèt, e sa 'l programma

Per el gran carnevalon...

(Pr oscure chi du veglion,

Ch' hann mandèt in t'el pallon

Ma parecchie d' sti urbinèt,

Per l'affèr ch' hann impegnèt,

I lensol, i materass,

Macchin d'cuscia, piatt e tass,

Anei d'or, servizi da te,

Per vestis a la Bebé)...

Annuncièva ai quattre vent

I grandios avveniment

St' manifest tutt colorèt

Che diceva s' no sbaièt:

- Per el gran Carnevalon,

Alla sera gran veglion!

Premi al mèj immascherèt,

Mille lir ma 'l più incantatèt,

Mascherin d'ogni color,

Gett de viole, d' tutt i fior,

Cors d' volèt e cors de pass,

Mortalett e spèr de rass,

Grand'addob de tutt i carr,

Cors de mul e de sornar,

Schersi d' luc de grand effett,

Lanc d' coriandoli e d' gonfett,

Passeggièta pel paes,

saltimbanchi e gran sorpres

Sparatoria de canon,

Stanta lir ma 'l più sborgnon,

Grandi foch artificiel,

E alla fin sborgna finèl,

Foch ma 'l pup a mezzanott

E o signori...bona nott!

Salutèt ch' ho i mi carissim

Chiapp d' volèta el direttissim

E arriv dop de tre ora...

Fermignèn era tutt fora.

En spodeva voltè tond!

S' avesc vist, la fin del mond,

A paragon è un succherin.

Sopra i car, le mascherin

Erne peg che indemonièt.

 

Ce tirèvne scalmanèt:

Bucc de tutt le qualità,

I stochfiss, i baccalà...

Un vulchèn in erussion! ..

Lor scaièvne t'le person:

I lupin, le tajatelle,

Fèva cruda, le sardelle,

Le radig, i pugn d' fich secch,

El carbon, i sass, le stecch,

Mass d'erbetta, l'insalèta,

La farina buratèta,

I barattol, le ciavatt...

Pora me!... Sa nut fra i matt!

Ma in deliri fu 'l paes

Quand hann vist, vnì dalla chies

Una bella vetturetta

Adobbèta da barchetta,

Allora un gett incominciò

Che, o gent mia, s' salvi chi pò!

Quel fu propi el colm dla festa:

Hann tirèt le ring tla testa...

Ma i villèn, ma chi più pruss,  (*)

I scaièvne ring e buss.

C'eren pó  quei del carr gross

Ch' te scaièvne: capaross,

Pesc de fium, pach d' melaranc,

I panier, le mela, i granc,

Quella sopra 'l spacc di sèl,

Svoidèva i cec sa l'urinèl!...

Basta, insomma p'r èssa schiett,

I, 'n'ho vist manch un gonfett!...

Du villèn vist chla barchetta,

Pièn dicevne- O ciò Marietta,

Guarda, guarda, a va, va...

Sensa l'acqua com farà?

E a dì ch'è tutta d' legne...

Fermignèn, chi ha 'l tu' ingegne?!

Non ve stagh a raccontè

Tutt i carr visti a passè...

Sol dov cera chle bordelle,

(A proposit erne belle)

Che ma 'l sor Alisandrin,

Ch' i tirèva i pugn d' lupin,

Rispondevne com le matt

Sa i sacchett d'macinafatt!

E no?... st' vecchj imbacucchitt,

S'era propi ingailussitt!

E le luc? Orca ch'effett!

Era cott anca i banchetti...

'Na gimchèna, tutt chle coppi,

Sfid! per forsa c'vedeven doppi.

C'era pu chel por Masochèlla

Sa 'na sbronza, 'na bavella

Ch' giva a sbatta in tutt i mur!

L'ha vut lu 'l premi sigur!

Non ve facc 'na discussion

Sia di foch che del veglion,

Perchè a dilla francament

Io en ho capit più gnent.

Sia pe'l chiass, sia per el vin,

Pers ho anch'io el mi cammin.

Gent, insomma pr' èssa schiett

Me so' trovèt in t'el mi lett!...

Per ricord dla gran festa,

M'ha dolut du mes la testa.

So, ch' mi moj, dic, ch' m'aspettò!

E... 'n'altra volta ve 'l dirò!

  

(*) Pruss: probabilmente, prussiano, crucco

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 8 - I  DISOCCUPATI

 

Quel ch' ve digh en me pèr vera,

Tutt i giorn machì è 'na fiera;

Se sent sempre un gran fracass

De sta gent che tutta a-spass.

Che non và, non và più avanti!

Chi ha impegnèt, le scarp i guanti,

Chi i lensol ha portèt già

A studiè t'el Mont d' Pietà,

Chi ha vendut el schiopp dla eaccia,

Perchè dic, che più 'n se eaccia,

Che perfin, adess, 'i ucc'let

S' en ardott molt allistrett,

Ch' per sfuggì la carestia

Hann pres tutti la gran via...

Chi s' lamenta sa 'l prefett

Perchè dic, che 'na caccièt

Un po' 'l nès in t'i lavor...

C'è chi sgaggia sa i signor,

C'è chi l'ha sa 'l segretèri,

Ch'è sol bon da fè i lunèri,

Chi la chiappa sa i padron

Ch'en 'na massa de ladron,

Chi se dà un gran da fè

Che più gnent en spol comprè!...

Fort, un dic: «Già la Menìcca

Ma avvisèt che 'n fa più a cricca».

Chl' atre fa: «Sta sit Antoni!

Sta mattina m'ha dett Boni,

Che 'n lo da portè più un gir,

('I ho da dè un per d'cent lir)

E se 'n pens prest a saldè

Non me dà più da magnè».

E pu tutti un gran lament:

Che nisciun vol dè più gnent,

Che qualcun vol viva a scrocch,

E,... chel tèl c'ha 'n scrull d'baiocc

Ma non pensa p' el purett

Che 'n c'ha manch i fagiolett...

El pess buff, è sa i villèn,

Venghen su com tanti chèn,

Sa 'l collett innamidèt

Un fiochtin tutt arconcèt,

(Un sustum intorne al gir,

Ch' s' vè vicin t' leva 'l respir).

L'altre giorn, ch' lu de Che Gall,

E' git su t' l' uffici d' Pall

E sentit che pess curios

D' chel villèn tant mai arios.

«Oh! Bon giorne, Signor Palle,

Vengh da malà giù da valle...

Per i foss ho cammineto

Guardèt lei com so' arconcieto!»

«Che mi vieni a raccontare?

Vuoi ti dia da cambiare?

Se ti sei così imbrattato

Mi dispiace del tuo stato».

«A lei parla el sò perchè!

Tutt'el giorne sta machè

E a dill in confidensa,

Tant fra d'no en spol fè sensa;

Sa chla giovina sgualdrona,...

O sdraieto in t'na poltrona

Sa 'l romanz de Pittigrillo!

Ecch, perchè è sempre arzillo

Bianco e roscio com 'na bcaccia..

Tutt i giorne pó va a caccia...

Ma nuatre, quest en c'scappa...

Più del schiopp, ve c' vol la sappa

Sor Santino, dop vedritto

Se moritto inghiandinitto».

«Dimmi un po', caro ninino,

Tu, chi sei, il mio padrino?

Che ti vai ad immischiare

Sul lavor che ha da fare?...

Vuoi davvero pelandrone

Far le scale a ruazolone ?

Oppur guarda, ti fo festa!

Te la spacco sulla testa...»

'I fa veda 'na gran brega,

Ma quel svelt: «So' vnut p' la lega

En s'arrabi su da brav

Sor Santino, iè schersave».

«Dunque, dimmi, cosa vuoi?»

«Ecco, no' avresme ancora i buoi,

Ma sa tutt st' macchinarnento

En podem fè ormai più gnento.

Tutta colpa del padrono

Accidento all'invensiono!

Prima almanco sguadagnèva

Qualch scudacc, sì s'arciapleva...»

«E tu vieni qui da me?...

Non venire a disturbare,

Ho ben altro da pensare».

«Ecch, insomma, scè, perchè,

Vresme fè 'na gran protesta

Contra l'invension ch'infesta

Tutt i povre contadino.

Che ne diccio sor Santino?...

Oppur che la diressiono,

Non pensasse a una pensiono

Per ste bestie ch'èn in balia

E stan sempre chius t'la stalla?»

«Cosa dici?  Cosa vuoi?

Il Sussidio per i buoi...

Mio carino, sta a sentire:

per cent'anni non venire

A trovare la città!

Se no, vedi questa qua?!»

Quel vedend chel brutt fardèl

Scappa d'corsa vers le schèl

Sbrontoland pianin fra i denti:

- Sta gentaccia en tutt serpent!

Dio! ch' t' vnissa un colp t'i dent! -

 

<INIZIO PAGINA>

 

 

- 9 - IL POETA CICERONE

(Cicerone era un soprannome di Bruno

dopo la sua fortuna come guida al Palazzo Ducale)

 

Gent, i' non ho 'vut più pèc

Dop, ch' da dì so' stèt capèc,

Una massa de bugì,

Ch' certament me faran gì,

Scond fila legg de Dio in us,

All'infern dritt com un fus.

P'r arcontal trem anca adess...

Ma sentit ch' sa m'è success.

 

L'altre giorn sotta 'l loggièt

Camminèv tutt arrabièt,

M'infurièv contra 'l destin,

Contra el Fasc, i bagarin,

Contra i sgnor, la commission,

Contra tutti chi magnon...

M'arrabièv anca sa me!

Che 'n podev capì 'l perchè

Sempre so' disoccupèt...

Sensa un sold, inverne e 'stèt,

In autun, in primavera,

A mez giorn, mattina, sera...

Un sumar, acsì 'n scastiga...

Mai, mai l'ombra d'una ciga,

O la pussa d'un baiocch!

Tocca viva sempre a scrocch...

Non c' pensèm... fossa partita!...

Sa sta carie stabilita,

Bona gent, i passeggièv,

Quant sent dietra me 'n gran brèv;

In t'na mèn, una gran stretta;

E un ferm per la giacchetta

Un: «Good, mister Good compèr!...»

Digh: «Argoita quant te pèr»

«No! - dic - molto guadagnare.

Se folere oggi portare

Ammirare la città.

A noi dire antichità,

Date, autori, far piacere?»

Capirè 'n me pars el ver!

Ho accetèt seduta stant!

'I ho portati ma 'l campsant,

Ma le Grott, dov s' và in galera,

Spiegand tutt in t'na maniera

Verament eccessionèl.

'I ho portèti t' l'ospedèl,

Ho sbaièt, dov s' và a morì,

E a furia de bugì

Det per ben, sa 'n po' d'contorne

Finalment facem mezzgiorne.

Quel me dic: «Colazionare,

Voi venire, con noi stare,

Per poi dopo andare in giro!»

«Io 'n poss!»  «Ah! no, venire...»

Ho magnèt, but un fiasch d'vin

E pu' giù argirè p'r Urbin...

Quand da pied sèm ma 'l loggièt

Questi armanen incantèt,

Com dò stupid pappagall

A guardè chi bei fior giall,

Ch' ce guerniscne chel murèll

Fatt a volt, sensa 'l cancell.

Lia me dic: «Ma questa Urbino

Esser sì vero giardino...

Tutto pieno, dentro, fuori

Di verdura, di bei fiori! .

Oh! davvero sorprendente...

(Dio, che t'nissa el mèl di dent

E stridesc com un baghin

Quand i fann chla brutta fin...)

Voi spiegare questa storia!»

«De chi fior? ..be..è 'na memoria

D'un valor straordinèri...

Donca, ai tempi millenari,

E' vnut Attila in Urbin!...

Lu 'na fatt roncia e roncin,

Calpestèt le primaver,

I lupin, le ros, i per,

Ecch... insomma fu 'l terror...

Ma... l'ha presa sol sa i fior

E ne fec un gran sfragell.

L'urbinèt fin de cervell,

'I hann piantèti su ma là,

Com pensand, acsì 'n ce và!...

E s' capisc, el municipi,

Rispettèt ha ste principi...»

«Jes! Stupenda, ..dieci dare

Se foler fiore donare

Per la mia collezione!...»

«Già acsì vagh in prigion!

Staria fresch, en c'saria mèl!

Monumento è Nassionèl!...»

Ma le mèn dagh 'na freghèta

Perchè ben m' la so cavèta

Salvand sempre, e quest se sà,

El decoro dla città!

Quand gim su a Santa Lucia,

Guarda el chès, propi ma lia,

'I va giù un pied t'na buga...

Dop ch' s'è storta com 'na ruga,

Secca dic: «Cattiva strada!

Noi tenere sempre a bada!

Perchè mai, o mister Betti,

Esser qui tutta a solchetti?»

Pièn me dagh 'na grattatina,

E... parli pièn, se va in guardina

Per gì giù sa i pied malì! ..

- Jes! ma fann...-è propi acsì!

Già perchè 'na volta all'ann

Machì d' dentra, sa ce stann,

Dle bestiacc un pó canor,

Ricoperte tutte d'or...

Ch'erne, s' dic nientedemen

D'un parent de Nicodem

Ch' fu compagn del Redentor.

'Na virtù mister c'han lor:

In t'un chl' ora pien de gent

Buttne un gran zampill d'argent

Che rischiara la città!...

- Io foler pescare qua!

Ma è matt? En c'saria mèl,

E' monumento nassionèl!

Gent, fortuna ch' ma stip buff

In che'l mentre i scappa un sbruff

Chi fa dì: - Com me venire

Io bisogno digerire

Presto, perder tempo niente!

Me portar stabilimente...

E el port a scarichè.

Dop ch' ha fnit lù da sbroiè

Me dic: - Questa gran schifensa!...

- Sor Ingles abbi pasiensa...

Questa è l'antichità

La più nobil dla città!

E' l residue d'un convent

Ch'esisteva nel trecent...

Com già ved, manchne le pietre

Del trecent eren indietre

Per podè metta chle cos...

Qualch freg c'è, ma 'l temp l'ha ros

E s'è ardott un poctin mèl.

Ma ch' sa voi?! E' Nassionèl!...

Sì... c'va la popolassion

Solament per devossion!...

Quel me 'na gran sguercièta

E me fa: - Monumentata ?!

Bene! Un poco me aspettare

Io foler fotografare!

- El scongiur!  Per carità!...

Non se pò!... E' antichità!...

Dop ch'i ho fatt girè abbastanza

Gim t'el parch dla rimeabransa.

Gent, molt mèi ch'en c'fossa git!

De quel sì me so pentit!

Perchè lu me dmanda asciùt:

- Monumento?... - P'r i cadut ?!...

 

Se 'l Signor t'un chel moment

M'essa fatt sprofondè cent

E più metre malì sotta,

Era mèi che ne chla botta!...

So dventèt d' tutt i color...

Per la vita mia, un sudor,

Cald e giacc tutt m' èva invès...

Ho soffièt tre volt el nès

E 'i ho dett: - Sa... è lontèn,

Mèi a gill a veda dmèn!...

Io, intant l'illustrarò!

- Bravo, Jes!  Sentiamo un po'!

- Ecco, s'ved t'el piedistall,

Ch' c'è in riliev, mul e cavall,

I canon... Branch de soldèt

Ch' sa le spèd ben innestèt

Incuranti dla lor pell,

All'assalt van del Montell...

Non se ved un muscol stort,

Ved? Van sù, sfidend la mort

Per la Patria libertà!

T'la faccièta pù de qua

S'pol mirè tant belle cos:

I soldèt ch'èn in ripos,

Scrivne ma la lor famiglia...

Più 'n su passa 'na squadriglia

D'areoplèn d' bombardament .

T'un sfond d' nuvole d'argent.

E più su c'è 'l promemoria

Perchè s'sa passi alla storia,

Ch' dic: - Ai prodi e puri eroi

Caduti per infrangere

Una schiavitù opprimente

Urbino ai figli suoi

Nel ventisei dedicava.

In alt mucchie d' reticolèt...

E' nott... Du brèv soldèt

Sorridenti, schiantne d'gett

Tutt chi fil sa le pinsett...

- Jes!  stupendo, avanti su!...

Sì, ma i 'n no parlèt più!

Gent non m'è scapèt più 'l fièt.

C'sem guardèt com tre incantèt:

Lor' tutt do meraviglieti,

Io più d'Io com 'i ho imbroièti...

Quel me dic: - Vedere su!

Ma 'a la vist? En el ved più!

- Spiegazione voi ben fatta,

Originale!...-E' pietra astratta,

Non se pol, lasci sta noia.

Quel, o ch' ha magnèt la foia,

Basta insomma com'è stèt,

De più gnent en m' ha dmandèt.

- Voi venire Angletèrre

Illustrare nostre terre.

Tutto a voi: mangiar, dormire,

E poi molto divertire...

Oro, argento, afere a stuffa,

E pagare tute buffa!...

Dop che ho vist chi biglietton

D' na gran banca de London

Ho accetèt! P'r un péra d' mes,

o gent, vagh a fè l'ingles!

 

 <INIZIO PAGINA>

 

- 10 - UN SACCO  DI BUGIE 

"Caro Bette! ..al me intese...

Non me sta a fa più l'inglese,

Non scoccià li scattolone...

Neh, va in pace e statte bone..."

E  sa Urbin ecchme alle pres.

Ho lascèt da fè l'ingles,

Che per me en era adatt,...

Me pareva d'èssa matt!

En giv manch in tla magnèta:

Tutt i giorne, cicolèta,

Caramelle, pasticin,

I gonfett più soprafin...

Avev sempre un stomacacc...

Noo! è mèi du fagiolacc,

Sa 'l contorne d'na gallina

In tla nostra cucciarina,

Ch'en è tutt chle boiarì.

Basta, insomma lascèm gì

E  arparlèm de ste paes,

Sa ch'è success in sti du mes?...

 

Io 'l so, ma 'n spol parlè!...

Ch' lu 'n t'fa che censurè!

'I avrà pres una mania:

Studierà in scancelleria ?!

En s' pol dì la verità!

E 'l perchè pu' non se sa!

Donca, o gent, stèt a sentì

Quel ch' v'arcont è tutt bugi

E  credetme ben pensèt

E machì ben infilsèt,

Sa 'na greia d' bona grèsia...

(La bugia non se s'dèsia)!

Parlerò de bel principi

Indvinèt ?!  Del municipi!...

Staria fresch, en c'saria mèl!

O in galera, o all'ospedèl!

Benché d' quest en s'pol di gnènt...

Ognun ved, presentament

Ch' lu lavora propi seri.

Per esempi so' stèt ieri

A visitè chle latrinacc...

M'ha tocchèt un'ora stacc

Per guardè chi bei lavor.

C'è le pietre de Ginor?

E dicem ch'èn propi belle!

C'è 'l piangit de mattonelle

D'un color mezz cenerin;

tutt le port sa 'l brunellin...

Ecch insomma un bel lavor!

Oh! ma è vnut un professor

Specialista p' le latrin!...

Eh?! Ch' sa è ditt?... I' so' n cretin!

Credet pur, credet ma me!

T'le latrin ogg c's' pol magnè!

 

E...el pèn per i purett?

Spèga men d' diec baiocchett,

E dicem la verità

Ch'è 'na gran specialità.

C'è chi ha fatt un sacch d' lamènt,

Che arrivèt en è d' ferment,

(che non è raggiunto la fermentazione, ndr)

Ch' dentra c' trova i bugaron,

I pess d' legna, i pess d'carbon,

I sfilacc, i pess de guant,

I cigott, i fulminant

E perfin chi animalett

Larghi com le scaldalett.

... Da campè 'n c'è più speransa...

Ma chi fa dolè la pansa,

Ma chi i dà la stitichessa...

Basta, insomma una mondessa

Tutti dighen che ste pèn

en el magna manch i chèn.

Per dì st' cos adess io, pens,

Ce vrà ancora un po' d' bon sens!...

Per ch' sa fè ste diseussion,

Per trovace un bugaron

De chi neri, o 'na farfalla?

Sta cagnara manca falla...

Se s' sapessa el benefisi,

Non s' giria t'el precipissi,

Non s'diria acsì tant mèl...

Pu' perchè c'è l'ospedèl?...

Com faria el beccamort

Se 'n ce fossa chi por mort?

E  i nostre sagrestèn

Com podrien comprè 'l pèn?

Tutt i nostre falegnèm

Com podrien smerciè 'l legnèm? ..

 

E podria seguitè.

Ma o gent, stèt ascoltè:

Non dèt retta ma chle voc.

Ste panin ch' mettet in croc,

C' salva, en ve meraviglièt,

Da morì avvelenèt!

Oh! ve dìen la strichnina,

El sublimèt, la formalina,

L'acid quel arsenichèl,

Tutta roba ch'en fa mèl!

Perchè 'l pèn che nó magnèm,

Sa chle robb neutralisèm

D' sti velen i lor effett.

Un dottor, el men perfett,

Ve dirà mèi d'me 'l perchè!

Io più avanti 'n pose andè.

Ce vol poch d'vedme accusèt

Che ste pèn è avvelenèt!...

 

N' altra nova: finalment

T'el concert c'è 'n cambiament,

Invec del solit zabaion,

C' dann el solit minestron.

E' 'na vera porcheria! ..

Nient affatt, è una bugia

Gent, credetme, bella e buona.

Giorni fa ma la Madonna

Per Lavagin 'i hann sonèt

I pestin più prelibèt!

Hann sonèt, o bona gent,

El fox trot, quel di student,

Quel d' Ninetta e de Lulù...

Ma qualcun en giva giù!

Ma com s'fà? mettec 'na pessa!

S'ved ch'è vnuta stundetessa! !...

Ma ch' sa fann chi generèl

Dla cappella musichèl ?

Ma è mèj ch'io lasci andè .

Se no cminc a straparlè!...

'Na famiglia ma 'l torrion

Morta è ier de indigestion!

'I hann trovèti a pansa praria!

Sfido io, magnèvne l'aria!...

Pietrin Fonti, m'ha dett un,

Che 'n fa 'l mèl più ma nisciun,

Non se ved più gent a spass,

L'urbinèt è sempre grass,

Quand girann via i selcin

Calaran subit el vin,

 

Poca attività di ladre,

El sottoscrìtt dventera padre,

I mort sportne ma 'l campsant,

Un dasier sà 'n fulminant

Non el trovi de sigur,

Hann pulit per ben el mur,

L'invern, gent, quand durerà?

E... nient'altre novità.

Adess cred d' en fav dispett.

Se ve parl de chel bossett

Ch'è malà t'el caffè grand,

Ascoltèt o gent m'arcmand!

C'è in Urbin parecchia gent

Ch'è contrària al monument,

El perchè non vel voj dì...

(dicem mèj, en el poss dì)

E giù mille discussioni

-Per fè quell? ..C'vol i milioni

E sa i sold sem alistrett,...

E pó dit, dop dov se mett

Non c'avem un post adatt.

Ma sta gent i dagh di matt

E bon bsogn di farabut!

El monument per i cadut

Anca Urbin l'ha da inalsè!...

E signori fèmla fnita!

Chi p' la patria ha datt la vita

Ha davé 'l prim post d'onor!

C'sèm intesi, gent d'color?

C'sèm intesi, sì o no ?!

Contra popol gì en s'pó!

Smett ma là, ma'l ters torion!

Gloria, e a un temp, ammirassion

De chi vien vien!  Chel prim pensièr

Và a chi ha fatt el su dovèr!

  

<INIZIO PAGINA>

  

- 11 - MACCHIETTA ELETTORALE

 

Era 'na mattina d'festa.

Bigaracc se mett in testa

Sa tutt chi atre contadin

Da vnì su machì in Urbin

Com se mai lu, vist l'avessa.

Dop avut 'na bella messa

Se sentiva d' fè classion

E ha pensèt d' gì dal padron!

Ed infatti la Marietta,

L'introdue in tla saletta

E da questa dal padron.

Quest, un grand, un furbacchion

I dic forte: «Bigaraccio

Vieni qua porco mondaccio!...»

«Sor padrono, me'l permetto?...

D' div ch' anch ogg ét fatt l'albetto?...»

«Bigaraccio, lascia andare,

Non son cose da badare,

Su, parliam del più e del meno!...»

«Ah per me, tutt poch và beno...

Ma ié ho bsogn de parlè d'altre,

De sta boba ch' fèt vuatre!...

Non s'pol stè manch più tla piassa

Perchè dic ch' c' hann mess la tassa   

E nuatre contadin

S'avem bsogn da nì in Urbin,

Per le brocch che fann el danno,

C' toccarà cent lir all'anno!...»

«Senti... sù... non t'inquietare

Con la calma... Fa passare...»

«Ah! el sò!  parlato beno

Vo 'l budell l'ét sempre pieno

En pensèto per nualtre,

Ié, so 'n pia dalle quattre...»

«Ma stamane sei inquieto,

Su, per bacco!  Arzillo, lieto!...

Oh, lo sai che nominato

Sono anch'io candidato?

Dimmi un poco, furbacchione

Voti tu pel tuo padrone?»

«Ch' sa vol dì ste gran canditto?

Sor padron, me 'l spiegaritto.»

«Ecco: agli uomini il volere

Di mandarmi su al potere.

Bigaraccio, non t'è entrato?

Voglio esser deputato...

Propaganda certo te

Fai che votino per me!»

«Oh! adesso parla beno...

T'un che rol, pro appartieno?»

«Vuoi sapere pure quello? ?...

Appartengo al manganello!...»

«Ah! saria t'el grand impasto...

Ma ét tocchèt un brutto tasto,

Sor padron, non me pronunce

E d'votè fors me rinunce...

Perchè tanti hann cmandèt,

Ma le tass en c'hann levèt!»

«Bigaraccio và per me,

Starai meglio pure te.

Se tu voti per le masse

Leverem diverse tasse:

Per esempio, sul bestiame,

Tu goder potrai lo strame,

Il formaggio pecorino,

Tutto andrà p' el contadino...»

«Sor padron, se fussa vera

Cminciaria da stassera

A svoidaine un miliono

De chle sched: tutt pe'l listono!

Ma quand sù v'avem mandèt,

Dle promess en v' arcordèt!...

Anca quei del partitt ross

Rossichièt hann anca i oss

Ma chi povre lavratore,

Sa la scusa che 'l signore

Eva da restè giù a gègia...

Fèl morì, malì tla brègia

Com se coc i lumacono.

No en c'sem casch, signor padrono,

In tla trapla de cle volpo...

Chi chiapassa pur un colpo!...»

 

«Altre giorne giù ma Schieto

E' success un rapasceto,

E' volét dle gran legnèt...

Perchè un po' en hann sciuperèt

Per la sulidarietà!

E 'l chèp lega pó sa ch' fà?

Tutt i giorne vien da nó

C'fa la testa com un mlono.

Dic: - La terra al contadino!...

El padron è un assassino!...

Un farabol, un serpente!

Non bisogna darci gnente

E quand vien, ma st' birbaccione,

Dèi sa 'l manich del furcone -.

E'  'na bella fratellansa.

Campa pur mi pora pansa:

Sa i comissi lia en vien piena.

E ch'el sol, ch' sta alla sirena,

Non riscalda più nisciuno,

Nó, sem sempre più a digiuno...

Ha capit?...»  «Sì!  lascia andare,

Dimmi su se vuoi votare...»

«Sor padron, mèi che'l sapeto,

Questa volta vot p' el preto!»

«Ecco! il Prete... l'ignoranza...»

«Ah, no, no, signor padrone

Vot per lu, perchè è più bono.»

«Tralasciamo la questione,

Vuoi tu fare colasione?»

«Quand se tratta del Dio magna...

Ho 'na fèm, da lup d'campagna...»

Dop ch' ha but e ben magnèt,

Dop ch' per ben lù s'è infilsèt,

El padron i va vicin

Sa 'n fiaschetto de sor vin:

«Bevi pure a profusione

Alla gloria del padrone.

E... dì, su, senza rancore,

A chi il voto di favore?»

«Oh!  padron, me scusereto

S'vavev dett d'votè p' el preto...

Manca d' lu, en fid listesso!

Sor padron voto pe'l cesso,

E acsì per il listono!...

C'sèm compresi, sor padrono?! !»

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 12 - TU NON TESSI E TU NON CUCI

 

L'argoment è 'n po acces! ..

I' 'n cred d'essa sottintes,

De quel ch' digh, da alcun partit!

Ne me prend, ogg, el diritt

Da proteggia ma nisciun...

Ma se ogg c'è propi un

Che in st' moment tant travaièt,

Dov el popol è chiamèt

Per esprima el su gindissi

Per en gì t'el precipissi,

Ha da fè 'na riflession.

Ho da dì ma cert person,

Che ste "un", so' propi io!

Chi 'n lavora viva Dio

Non ha più diritt d' magnè! , ,

St' bei imbust che tutt el giorne

Nó vedem machì d'intorne,

Ben vestiti, attilèti,

Fanfaroni, scalmanèti,

Spenda i sold a profusion

In tle cen, pranzi, veglion...

Tutt el giorne stè a giochè,

Non è roba ch' fa pensè?

E com quest pó en bastassa,

Sta gentaccia da ramassa,

Gent, che oggi disonora,

Ma chi tribola e lavora,

Tutto, tutt t' van a cerchè

Per fè i blin, per divertiss...

E tra 'n gest, 'na smorfia, un ris

Buttne ì soldi là per là,

Ti ritrov de sta città,

T'un maccao e t'un masset...

E ti butne acsì, a pacchett

Com se fosser brustolin...

Da dov venghne sti guadrin?

Da dov venghne?... Sèm sinceri

Se sta gent non c'ha 'n mestier

E a casa tanti... .ahimè!...

Se a stent possen magnè.

Màgnen sol per el consens

Dl' opra pia d' San Vincens?!

Da dov venghne?  E' chiarita...

Machì 'n c'è via d'uscita,

Da machì, en spol scapè:

Fè 'l magnaccia, oppur rubè!...

E parlèmce chièr e tond

Ma sta massa d' vagabond,

Ditme vó, cosa s'aspetta

D'caricai t'na camionetta

E fai dì, pr' un pèra d' mes

Du parol, sa le maies?

Acsì 'n c'è d' ficcanasè,

Acsì 'n c'è da complotè

Contra chi lavora e suda,

Trova sempre la su casa.

Ma sta gent d'idee invasa

D' fè 'na vita scelerèta,

Da nó tutti condannèta,

Bsogna dij, fina d'adess,

Ch' per fè quest, c'è qualch consens,

Chel podrem nó tollerè

Per poch or!  in quanto che

Voi dovrete stare attenti,

E svelè dov chi proventi

Tle saccocc ma vó èn nuti,

E pu dic com fin adess,

Sa chla faccia d' super fess

Avet pensèt sol, solament

A divertiv! e gnent, mai gnent

De tutt quell ch'avet sbraitèt,

 

Quand ancora chi soldèt

Spadronèvne, vò avet fatt!

Cioè, avet fatt: infatti voi

Vagabondi, degli eroi,

I ruffièn, sempre sét stèt

Di tedesch e di aleèt.

Vó èt creèt le prostitut!

E sarìa da farabut!

Dè la colpa ma i partit!

Set stèt vò, ed io v'adit [vi addito]

Or de front ai cittadin!

Vó!  ch' pr' un pugno de guadrin,

Èt creèt ste bel lavor,

Speculando sopra el dolor,

Su la fèm, su la miseria!

Tutt sta roba, è roba seria?

E perciò en c' sia pietà

Per sta gent che più non sa

Cosa sia la cosciensa.

No!  per lor non c'sia clemensa!

P' el decor dl'Italia tutta

In galera sta combutta!

Via da nó, tutt sta gentaccia!

Via da nó, tutt sti magnaccia!

Ch'èn el tarle roditor

D' tutt el popol, del su onor!

 

<INIZIO PAGINA>

 

 

- 13 - UN VIAGGIO NELL' INFERNO

 

Com'è stèt, com en è stèt,

T'el mond d' là ne so' trovèt...

Un calor per chle contrèd

E' 'na set... propi chle rèd...

Ho dmandèt dle usterì

Ma nisciun mà saput dì,

Le ustarì che cosa erne...

Basta, vagh giù in tl' inferne

E incontre ma 'l demoni.

I fagh io, in tutt i toni,

Inchinandme fina 'n sass:

«Riverisco Satanass!...

Sa... so' vnut per ammirè...»

Quell j occhiacc cmincia a girè

E me dic tun ton sgabroso.

«Tu, chi sei uomo peloso?!

Non sai, qui, che al mio cospetto,

Sia beato o maledetto

Esser deve abbrustolito?...»

I fagh io mezz avvilit:

«Scusi, so 'l disoccupèt,

Avvilit ed affamèt!

Vengh da lei a domandè

S'armediassa da lavrè.»

«Passa!  Altro tu non dire!...»

«Ma sor Diavol, stia a sentire...?»

Val a prenda!  en cera più! ..

Basta gir vers ma là giù,

Dov te vegh 'na massa d'gent

Ch' strid, s' dispera, fa i lament...

Chi tna pgnatta, calm te boll,

Chi t'el spitt è con un poll,

E chi invoca ma i su cari...

Dop, en vegh m' Antimi Clari! ..

«Oh, bon giorne avvochèt,

Ma com'è, vó condannèt,

Condanèt a ste brutt pene?»

«Figlio mio, è il poco bene

Ch'io vivendo feci ieri!

Pelai troppo i passeggeri!

Trascinai io troppo orgoglio...

Ora qui bollir nell'olio...»

«In eterne v' tocca stè!

Farò le mess per vó scontè

La coscensa mia è tranquilla...»

M' se presenta un om anguilla

Ch' svelt me fa: «Stavo p' el Monte -

E abbassa un po' la fronte,

Pu arprend - Caro il mio Betti,

Mi conosci?!» «Cert, Renzetti!

Ma com' è, ma j avvochèt

Tutt in st' cerchie j hann schiaffèt!»

In chel mentre Satanass

Me dic: «Betti, te s'è pass!

Tu non sai che diavol dici...»

«Capirà miei vecchi amici...»

Ma i pensier erne offuschèti...

Quand inciamp in t'un Moschèti.

«To! avem fatt acsì 'l tersett!»

«Sit, sta sit, mi caro Bett!...

E' 'na cosa de 'n gì vant.

Li mi donn! Qui tutti quant!...

Ti ricord di Momolett?...

Ti ricord, mio caro Bett,

Quant ti dava li cappon?

- (Diga, 'i oss, signor sciupon) -

E le samp di gallinacc?

Li mi donn, e Biblacc,

Gioca più a li pallon?»

«Capiret en è più bon...»

«E l'avversari Tabarin?»

«Anca lu en è bon purtin.»

«A proposit, che babeo,

, al temp, sét stèt ebreo!»

«E con quest car el mi bimb?»

«E perchè non set t'el Limbi

Invec d'èssa all' inferno?

Ma... l' è stat li padreterno,

per me non cera 'l post...

M' ha... mess qui tl'odor dl' arrost.»

«Dit un po', e Dlin, Dlin, Dlin,

Ch' va lascèt tanti guadrin,

Perchè en c'è fra tutt ste pen?»

«L'ha chiamèt li padretern...

L'ha portat su in paradis...»

Sent vicin a me 'n gran ris,

M' volt, e gent, sapet chi era?!

Falasconi!  Bona cera.

Chel bon om, tutti el cnoscet,

Quel ch' ce fa morì de set,

Quel ch' ha spēs tanti guadrin,

Per fè stè sens'acqua Urbin!

I digh sa la voc t'el goss:

«Ah! set vnut a chiuda i poss,

Ha qua giù anca t' l'inferne?!»

«No! - me dic - rest in eterne...»

«Meno mèl, ch' mestier fèt ora?»

«Sia alla sera, che a bon'ora,

Sempre ho da lavorare!

Possi e tubi da tracciare...»

Ma... m' sent a tirè dietre.

Era 'l diavol: «T'vol San Pietre.»

E me tira per un bracc.

Salutèt ch' ho chi vecchiacc

Vagh da Pietre. «M'ha chiamèt?!»

Pièn me dic: «Disoccupèt,

Giunta è l'ora da partì!...»

«Sor San Pietre, stia a sentì.

Ho qualcosa da guardè...

A proposit s' pol andè,

Tant vó set el portinèr,

A trovè ch' lu ch' sta t' l'alter?»

«Mi presenti un brutto caso,

Tu sei troppo ficcanaso

Spargeresti all'istante...»

«E perchè ma 'l signor Dante

L'avet fatt gì a veda d' là?!

Questa è 'na parsialità!

Tre incensèt v'darò in compens,

Gitme sù da l'essre immens...»

«Santo Dio cosa sento!

Tu, nel millenovecento,

Dì!  vorresti imporre a Pietro

Certe cose?!  Presto indietro...

Animacce più che prave!

Poi la vedi questa chiave?...»

E m' arbalta a rugolon

Sa la testa giù a spunton,

E me sveghj, e quest è 'l mèl,

Sa la testa in tl' urinèl.

 

<INIZIO PAGINA>

 

 

- 14 - CHI LA FA L'ASPETTI

 

Anca ogg io so' occuppèt

Da parlè de chi danèt

Ch' stann, o gent, t'un chel paes

D' Fermignèn, quest sottintes,

Ch' per mostrè le lor bravur

Hann tacchèt su per i mur,

Se capisc da nó in Urbin,

Un manifest d' color turchin,

Ch' annuncèva ma la gent

Un gran sacch d' divertiment

Per el quindici d'april.

Cert che io 'n el vria dill,

Ma sigur s'èn vluti arfè,

Lo da dmèn en c' possen stè,

Per chla nostra passeggièta,

Tanta ben organizzèta,

Che, o gent, per èssa schiett,

'I ce vleva le manett,

In t'i pied, intorn al coll

Per fai fè la fin di poll!

O fai stè per 'na novena

Com i gatt, a la sirena,

Tant per dai una spurgheta,

Sa 'n curdlin leghèt t 'n' infrièta.

Vedret dop, o bona gent,

Che 'n s'impiccne d' fè più gnent.

Ma de quest lascèm pur gì...

St'manifest cmincèva acsì:

«Gran Città de Fermignèn,

Per el quindic, ch'è passdmèn,

Allegria in quantità!

La Stasion Prima sarà:

El gran alber dla cuccagna;

Dop c'è 'l gioch del magna-magna;

Cors t'i sacch, tir ma le pall;

Gran partita de futt-ball,

Amichevol, se capisc,

Cmincia a calc, a pugn dop fnisc.

La gran banda musichèl

Sonarà i pes principèl,

Dla Traviata, dla Gioconda,

Gigolò, Passa la ronda...

E c'sarà dle gran sorpres,

Che in deliri andrà 'l paes!»

(La sorpresa dop, l'ha vuta,

Brucolin, che all'insaputa,

J hann squaièt, pianin, pianin,

El cavall sa 'l biroccin).

St' manifest andèva in gloria

Dicend ch' tutta sta baldoria

Era roba de gran luss

E ch' tutt era l'ultra pluss;

Bsogna dill sì chièr e tond,

Di manifest de tutt el mond.

I so' armast com 'n incantèt!

Digh, fra d' me: «Avrò sbaièt?...

Per i studi non c'so' tant...

Sta città sorta d'incant,

Mai sentita a nominè!...

Sì! c'è poch lontèn da me

Un villagg dett Fermignèn,

Sa du gatt e quattre chèn,

Ma è impossibil ch' sia questa!...»

Invec m'hann caccièt tla testa

Ch'era propi quel malì.

Dop ch' ho lètt chel sacch d' bugì,

Anca io ho decretèt,

Da gì a veda sti danèt.

 

Ed infatti appena arriv

E a zonz in piassa giv,

Arrabbièt, rutand i dent,

Curadèlla, st'accident

Me dic: «Betti, arconosci?

En c'è mèl!...»  «Ostia sét mosci!...

Ét freghet ma mezz Urbin...

Set 'na massa d' malandrin!...»

«C' fè la sattria, mattacchion?»

«V' la faria sa 'n canon

Ben piantèt su ma la Csèna!»

«Bevi un reghne?...»  «No, 'na rèna,

En ce vengh!  M'  voi divertì!»

E difatti cminc a gì

A cerchè del Comitèt.

Quei armanen incantèt

E me fann parlè pr' un pess...

Dop ch' n' ho dett de tutt le sort

Me fa un: «O beccamort

A chi dai dei Pilaroni?

Cosa credi ch' sem cojoni? ..

Ma nó... và! ?  en c'ét freghèt?!

En sem più tant incantèt!

«Se quaggiù non vedet gnent

Ve sta bnon!  Sem tutt content!

O' set caschèti t'el tranell...

Sensa strabigliè 'l cervell

Chi ha la rogna se la gratta!

Oramai sèm pari e patta!

Imparèt d'èssa sincer!»

Dop, me spiffra quattre per:

«To!  per te e la tu cansona

E sta sitt, ch' c'ho la man bona!»

Io per bella figura

Non ho fatt la faccia scura.

En év voja d' litighè.

C'era 'l chès pu d'artornè

Sa qualch costola de men...

Arrabbièt ho arpres el tren,

Masticand du accidènt

E cojonèt, ma no, content

In Urbin so' artonèt

Ma pu dop calm ho pensèt

Ma 'l proverbi, che sempr' è

Chi la fà, la d' aspettè!

La morel dla mi storiella,

Bona gent, cert en è bella.

Se ma nó sti atre paes

C' portne in gir sens' èssa offes

S' faccia ancora, ogg, in Urbin

Un po' d' men i burattin!

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 15 - LA SUOCERA

 

L'argoment ogg, è un po' brutt!...

Voj parlè d' chle farabutt,

Che nó avem da sopportè

Fin intant ch'èm da campè.

Io, ormèi, ce so' passèt...

Donca v' mostre st' le dannèt,

Ch' l'abbia in dòn pur el demoni,

Prima, e dop el matrimoni...

 

Quand se fa 'l fidansament,

Chi de lor è più content?

I va via tutt l'amèr

Giò p' el vigol sa le chmèr

Tutt el giorne un cip, cip, ci:

«Tresia mia stam a sentì...

Finalment la mi fiolina

Ha trovèt una fac'tina  [faccettina]

Bella, bella de sigur!...

Ma anch i', credétme pur,

Ho preghèt ma San Crispin

Perchè i dassa un bel fiolin

Grand e gross e ben ardit!...

Oh chel Sant, com m'ha esaudit!...»

E sa vò, prima dl' event?

Che t'chiàpassa 'n accident!

Lia ve fa lillera e gaia:

« Se' 'l baston dla mi vecchiaia,

Te sarè 'l mi bambulin,

Ma tu mamma dà 'n bascin,

Sta machì vicin a me

Che a stuff t' voj contemplè!...

Nó ce vrem sempre un gran ben,

Scorderem assiem le pen,

Del present e del passèt.»

Sentle un po'?!  Poscte arrabbièt! ..

E: «Adess i' mor contenta...»

Basta, insomma lia t' inventa

Tutte sort de boiarì.

E malì, cosa vresc dì?!

«Ostaria, s' dic, so' in port!

L'ho trovèt ma Crist in tl'ort!...»

 

Quand d' scappè non c'è più 'l mod,

Per l'affèr de chel brutt nod,

Morsichètve pur i dita

E sgaggièt: «Addio vita!»

El lament en v'abbandona...

Cmincia essa brontolona,

Per 'na cosa, acsì, da gnent,

Com i chèn ve mostra i dent!

Cerca tutt per litighè!

« Guarda ch' voja d' fatighè!

Tutt el giorn en fè mai gnent,

Te pièc sol da fè 'l student!...»

E pu giù sa chi lunèri:

« Sa la paga en fè mai pèri,

Bevi e mangni tl' osteria

Sa cla bella compagnia...

Giochi el mort in t'un tresett,

Fè el mariagg e fè 'l massett,

Tutt le dmenich vè a balè...

Per le bocc en spol manchè...

E per d' più st' bel gingillin

Sa le donn c'fa 'l moscardin!»

Bona gent, cosa vresc fè?!

Tocca subit litighè!

Allora dventa una ossessa...

« Per la tu madre badessa -

Dic - è l'ora d' lascè gì!

O se no!  Stam a sentì:

- Io te parl franca e spedita,

O vè via, o gambi vita!...»

 

Se la fiola è maestrina!...

Lia incmincia alla mattina,

Giorne, sera, anca la nott,

Ve fa vnì certi borsciott!...

Se tardèt, pr' un chès la sera,

Trovèt pur una maniera

Da salvav da chl'animèl!

Quand ve sent da pied le schèl

Lia dic: «Ste farabutt,

Ma chi, a chèsa, lu c'ha tutt,

Non t'avria acsì fèt piagna!

Sta sittina!...»  Com 'na cagna

Ma te adoss se vria sfunè!...

Questo, intant, prima d'entrè.

Quand un calm, s' capisc, è entrèt

E s'è appena accomodèt,

Lia arbatt: «Sta pora fiola,

Tutt el giorne fa la scola!

Non c'ha a post manch più i cervei

Per struì ma chi bordèi...

E vó sit, indiferent...»

Allora vien com un serpent:

« Arcordèt ch' i' so' bona!...

Ma per la vostra Madonna

Vó, l'avet da portè a spass

S' no él mi faccia de... stupid

Io ve schiaff, subit, for d'us

Sa tre, quattre pugn t'el mus!

E machì, comando me!

Se 'n ve fa podet andè!

o la porta o la finestra!»

E' la.madre d'na maestra!

 

Se pu gim tla nobiltà

Io el sò e è verità

Per 'na cosa d' gnent, da poch,

Sbocca fora fiamm e foch!

Sa chla pessa che strascina,

A falciate, pièn cammina...

Mett avanti tutt la pansa,

Per avé più arrogansa.

Se davanti 'i vè, impreca...

Fa 'i occhiacc com quei del Bèga,

Mett 'i occhièl sa chla stanghetta

Pó ma i labre 'i dà 'na stretta,

Per parè più inferocita,

Sbatt pianin i occhièl t'i dita

Fa balè un po' 'l ginocchj

E ve dic:«Noi dai pidocchj

Vi abbiamo sollevato!...

Eravate, o sciagurato,

Senza un soldo!  Dico senza!

Ecco or la ricompensa!»

« Ma Signora, ella mi offende!...»

« Ah! sentitelo!  Pretende,

D'insultarmi!  D'insultare

Chi dovrebbe ognor baciare...

Questo è tutto il vostro bene!...»

E per falla corta, sviene.

Casca sopra 'l canapè,

Cmincia fort a respirè,

Corrne i serv e corr la fiola

Sa l'acet, la sventarola,

E dai giù t'i suffumig!...

S' vó restèt malì big, big,

En arvien giaminga in sé...

La fiola cmincia a lagrimè,

I vien su la pansciarella,

E: «Mamma cara, mamma bella...»

E tutt d' sorte de fregnacc,

E ma ch' lu 'i tocca stacc

'I ha da nì certi sudor!...

Va!  en tutte d'un color!...

 

Per podè ma stle serpent,

Falle do 'n se sent più gnent,

Sensa avé tanti lunèri

E gì a fnì dal Commissèri,

Io c'avria 'na medicina.

Vó portètla in tla cantina

Su per giù qnand è scurett

E' più bell e de più effett!

Dop, se prend in duo o tre,

E per forsa la s' fa bè!

S' en el vol, giù 'i se caccia

Fin intant ch'è cotta marcia!

Dop se chiappa chel truffèl

S' porta su in cima le schèl,

'I si dà un gran spinton

E via ch' và a testa spunton

E gent, non s' ne parla più!

Tata, addio, addio, Gesù!...

El giorn dop tutta la gent:

- El sapet?  E' mort la tèl!...

- Eh!  'i ha pres un accident?!!

- No!  E' caschèta per le schèl!

- Dio, che mort!  Madonna bella...

- Prò... c'aveva 'na bavella...

- Giva spess tla damigiena?...

- Pff! sempre cotta sta... poretta.

Dop, scapisc, ma st'animèl,

I se fa 'n bel funerèl,

Pr' ogni pass, pr' ogni madon,

S' butta giù qualch singhiosson,

Quant un è arrivèt ma là,

'N' altra lagrima se fa,

I se dà n' altra guardèta

Se la cassa è ben saldèta,

Ch' da scappè quella è capèc,

E, cocca bella, dorm in pèc!

Sol acsì, o gent, s'avrà

Un poctin d' felicità!

 

<INIZIO PAGINA>

 

 

- 16 - LE NOSTRE MOGLI

 

Bona gent, stassera v' voj

Io parlav dle nostre moj!

Per dì mèj de ste cirott,

Ch' sempre, sempre, giorne e nott,

Ma nó c' tocca digerì!

(Sappia quest chi 'n vol capì! )

 

Per sposè te fann blinfblin,

- T' manderò com 'n ermellin,

- Non t'amancherà mai gnent,

- T' farò com un student!...

- Trovarem 'na casinina,

- Stretta, stretta, pcina, pcina,

- Piena d' ros e piena d' fior,

- E malì el nostre amor

- Sfogherem a volontà!

- Pensa pu quand ce sarà

- Un bel pup, un bel fiolin,

- Bianch e ross, tutt ricciolin,

- Baderem soltant per lu,

- Perché quest ce cresci sù

- Propi, propi, com se dev!

 

El babbioch subit te bev,

E infiammèt da chel discors,

Ma lia string, intorn al dors

E pu giù dai a bascè!...

«Tesor mia, én dubitè

Che appena nó podrem,

Ansi, st' magg, ce sposerem!»

E la frittèta è fatta!

Pora testa!  Testa matta!...

Dventa matta per daver!...

Cervell artorna t'el pensier,

Se se pol, de sti minchion!

Fa ch' lor veden el buron

Dov per forsa hann da caschè!

Ma de quest, lascèm andè

Perchè è tutt parol al vent!

Arparlèm de ste serpènt!

 

Dop du mes de sposalissi

Incomincia i sacrifissi...

S' ved, allora ch' tutt chle cos:

La casina, i fior, le ros,

E tant altre boiarì,

Non se sà du en gitte a fnì!

Strova spine da per tutt!

Se vó v' desc com s' arman brutt!

E ma lia 'n s' pol dì gnent!

- Lascme stè ch' me dol i dent...

- Sta mattina m' so' picchèta

- Per spassè sa la granèta...

- Pó 'n el so, sta gravidansa...

- Sent ch' m'ardol tutta la pansa...

- In t'el stomich c'ho i dolor,

- Le puntur vicin al cor,

- En me và manch da magnè!

«Io en so com ho da fè...»

- Podresc fè 'na faccendina...

«Ma ch' sa è fatt te stamattina?»

- Sa ch' ho fatt?  Ho fatt el lett,

- Ho pulit i du brucchett,

- E pu ancora ho da lavèm...

«Tira via, ch' ho 'na fèm!...»

- 'N avrò mica da schiupè!

- Se è fèm, pó sventolè,

- En so' mica la tu' serva!...

Gent, allora i vien la verva.

- E c'è poch da stè a sentì!

- Io per te en voj morì!...

- E so' stufa, è capit?!

- Sa ch' ho fatt a piè marit...

- Non c'avessa mai pensèt,

- Scont adess tutt i mi pchèt!

 

Se 'l marit è un po' focos,

Sa 'n tortor de chi nodos,

De chel legn più dur, de mrol,

I dà giù fra chèp e col

Sensa grèsia du saracch,

Allora cmincia a batta el tacch!

E incurandse del dolor

Dic: - Dop ch' t' mand com un signor

- E mai gnent, ma te è manchèt

(En è vera! è tutt straccièt)

- C'è 'l coragg anca da mnèm...

- Ma t' n'accorgerè te dmèn

- Com te trovi sensa d' me!...

Dop se cmincia a sbarachè,

Vola i lum, vola i pignatt,

I bicchier, le scarp, i piatt,

E manch lia non te ced!...

Sta serpenta fina ch' ved,

Dle su mèn, qualco' a portèta,

Benché sia tutta morèta,

Scaja sensa compassion! ..

 

D' fora 'n gran mucchj de person,

S' sa ce fann di gran commenti:

«Eh? ..ch' bel om?!  Che trattament

Ch' ha d'avé vers chla sposina!

Ch'è un pess d' pèn, credèt purtina

La pó sbatta contra un mur

Lia en t' anscia del sigur!...

Ma... ha da trovè i minchion

Ste birbant, ste lazzaron!...»

Dop te va lia da la madre

E s' malì trova anca 'l padre

Addio baracca, addio!

«Sa ch'è fatt?!  Parla per Dio!»

- Gnent ho fatt... Non ho fatt gnent

«Pro l'arsconta st' delinquent!...

T'avrà mnèt chel lazzaron

Chel vigliacch!  Ma st' tisigon,

Te 'l digh io, l'ha da scontè!...

Non ha da tocchè ma te!

En me podria io trovacc!

El fagh ricc... .l'ardue un stracc!»

«Gent, la socera, se' matt!...»

Com la rota, com se sbatt,

Dalla rabbia d'venta nera,

Gialla, bianca com la cera,

Non sta ferma, c'ha la rogna,

Ve podessa avé fra 'i ogna...

 

Adess fèm un salt più ardit,

Parlem d' quelle di partit,

Tutt'el giorne sa 'l giornèl

Leghne i fatt sensassionèl,

E ma lor en 'i sfugg gnent!

- Oh! 'l se' l'avvenirnent?

- Prest sarem emancipète,

- Sent ch' discors... prò, la chiusura

- M'è restèta un poctin dura...

- Quelle sì ch' se chièmen donn!...

«Va!  en me fè vnì le madonn

Sa ste cass d'mancipassion!

Fa 'l piacer, tacca st' buton!»

- Un buton?!  No de sigur!

«E ch' sa fè, giochi a batmur?!»

El marit te perd le staff

I misura quattre schiaff,

Maritin, te scappa d' fora

El capisci?!  e lia: «Se sciora!...»

 

Be, adess ve voj parle

D' quelle ch' c' fann passè da re

E a bon bsogn da imperator!

Lor c'hann sempre 'l bon umor!

- E com'è bel maritin

- Stè machì sotta el camin?

- Va chiappè un poctin d'aria;

- Va in campagna a pansa pr' aria

- A respire l'arietta pura...

- Perchè vedi, io ho paura

- E me prem la tu' salut!

(Lia sà ch'è 'n gran cornut).

Ed infatti quel content

De chel bon arvertiment,

Scappa via in quattro e quattr'ott

St' disgrassièt che gnent en sa

Calm passeggia d'qua e d' là...

D' dietra, i su compagn più bon

Dighen: - Guarda chel lampion.

Guardle un po' ma st' becch content

Guarda: fing de 'n sapé gnent

Bella forsa, st' babuin,

Trova 'i scud sopra 'l camin

En fa ben?  rispond un matt,

Tant ormai el bugh è fatt!...

 

De, gì avanti en me convien

E lasc gì.  En voj tant pén,

In t'el mond en se sa mai...

Donca dèmi pur un taj,

E lasc gì!... No!  prima voj

Dì ma tutte chle person

Che prest moj hann da chiappè,

Quand è giunt el giorn d' sposè,

Perchè 'l vol el vostre cor,

Buttèv giù t'i lavator!

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 17 - DE CHI LA COLPA?

 

L'altre giorn da l'Adelina (*)

Ho incontrèt 'na contadina,

Ch' pièn, faceva 'n stussichin,

Sa 'n pess d' pèn, quattre grugnin,

Una pera, du tre noc

E tre alig… che a occhio e croc,

'i s' podeva dè per coda,

Du o tre ann!  E' voja a roda!...

Ma se squaièvne com el bur…

(Per ch' l'odor c'era 'n sussur)

Me so' mess in t'el su banch;

E 'i ho dett:« Orca, ch' pèn bianch!...

Ve va grassa adess sposina,

Malì... schietta è la farina!...

 

Non c'avessa mai pensèt!

Sa i su occhj m'ha fulminèt,

Ha cmincièt ha fè 'n gran chiass:

«Car el mi faccia de cass,

Una volta corro il lepro

E una volta corro il cano!...

Non pensèt, vó quando il pano

Per nuatre era de ghianda?

E per vó, quel dla locanda?...

Ringrassiand el Padreterne

Se non c'era ste governe,

C'evne ardott com i lugign!...

Dicet d' no?...  Vlet du grugnin?...

Vlet 'na fetta de ste pèn?...

Se ho parlèt t'un mod villèn,

El cor nostre è sempre bono...

Lascèm gì ste discussiono,

E accetato sensa spinta...

S' ogg per v' atre c'è la cinta:

Se sopporti sa la pacensa!...

Quattre e ottanta sta schifensa!...

Su, guardèt, guardèt ste alig...

(En c'è b'sogn ch'armanet big)!

Dov l'ho pres, pianin m'hann dett:

"Cerch da favorì el purett...

L'ho comprète d' sguaraguaglio...

M'hann eostèt el pep e l'aglio...

Ma silensi!... ogg va in ste mod..."

Bel aiut... Dle volt ce god

A sentì d'acsì a parlè...

Ma la colpa de chi è?

E' de v'atre cittadin!

Perchè nó ch' sèm contadin,

Quand girèm in qua e in là

"Passa via!  Passa in là.

E ch' sa vò per cinqu cent lir?

Vò l'ossigen pe'l respir?...

En el se' ch'è temp de guerra?

Paga! s' no, vèstet de terra!..."

No… en comprèm, en comprèm gnento,

En c' infnocchien ch'i serpento!

Mo vuatre cittadin,

Ce caschèt com i moscin...

Ve faran le riverens?

Ma 'l sann lor a qual compens...

Su!... 'n pess d' pèn, du noc, magnèt.

E s' v' ho dett ch' sa ho dett, scusèt,

Ho espress el mi pignon!...»

 

Ho pensèt: lia ha ragion!

De sta ròta, de sta giostra

D' chi la colpa?...Tutta nostra!

Finchè un te paga diec,

Quand è fiss un cinqu invec,

Prezz che anca chi lavora,

Specialment, adess, a st'ora

Ch' tutt per tutto bsogna dè,

Possa o ben o mèl sbarchè,

Perchè sitti, sa da stè?...

Gent, sta gent c' vol affamè!...

Aprit 'i occhj per carità!...

Quand ve dighen: «Sa... ma... là...

Non se trova ormai più gnent

E se s' trova costa un dent...

E pr' arvendla al press... com fè

Del calmier?... La podem dè?!

Tocca fè come Bertold:

- Ecchte l'ova, damm el sold!...»

S' guardi, el vin c'è da per tutt,

Ma sti sporch, sti farabutt,

Dighen 'i ost, de sti padron

Cmincne a dì: «El vin è bon,

E' d'na qualità pregièta,

E se 'l vo' è 'na sonèta!...

Nó com fèm?!» «Facet tant ben!

So ch'el popol bev el vlen,

Malì al banch in fretta in fretta

E j e 'l dèt, porca Marietta, [e glielo date,...]

Pr' en passè, dit, da strossin

A una lira el bicchierin.

Adess, dimla, dopo tutt,

Chi de vó è più farabutt?!»

 

Ste signor: «Pel mio pupetto

Ho trovato, oggi, un etto

Di gianduia perugina.

Che contento, st'animina

Ha lo stomaco bruciato:

Non si và in questo stato…

Sempre burro, marmellate,

Pasterelle un po' frollate,

Cotte al forno di nascosto,

Non si sa con chè composto,

Che al bambino non confà.

La salute se ne và!...»

Mett 'na stmèna ma 'l pupett

Tra i bordèi de sti porett,

Vedrè 'l va per chi casstin

A ruspè chi tossolin

Per facc subitt 'na papina…

Altre che la perugina!

 

Donca, o gent, sta roba c'è!

Allora vlem cmincè a pensè

se stém sitt per chi è 'l dann?...

E' per tutti: mèl malann

Acsì avem e l'usc adoss! (**)

S' no cmincèm a dai adoss,

Denunciè ma 'l segretèri,

Sensa scrupol nè lunèri,

Ma chi compra e ma chi vend,

Vedret, ch' pièn, qualcun l' intend!

Basta ormai chi cip cip, ci

Sotta, sotta... Bsogna agì!...

Perchè el sfors sia ben schiett,

E' pe 'l ricch, com pe 'l porett!

 

(*) Adelina, ostessa in Via Lavagine in pieno 1900

(**) Proverbio: Male malanno e l'uscio addosso ovvero sbattuto in faccia: una disgrazia dopo l'altra

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 18 - LA SITUAZIONE

 

Un bel giorn, era d'estèt,

Sa du' donn me so' incontrèt

Ma la sù vicin al Dom.

Me dic una: «Ditme chl'om

Quant arfèt 'na poesia?»

«Oh, prestin, carina mia»

«Quand l'arfèt la faret bella?»

«Fin ch' me dura la favella

Ne dirò a più non poss!...

Tant per me, c'è sempre 'i oss»

 

Sa chl'idea sempre fiss,

D'arcontav sa ch' ho prefiss,

Del Prefett vagh in t' l'uffici.

«Eh, Bettielle cosa dici?

Vieni a farmi compagnia?»

«No! ..vria fè 'na poesia

E siccom io ho paura

Da sotta la censura,

I' so' vnut a domandè

Com m' avria da comportè.»

«E decchè tu vuoi parlare?»

«Ecch, i vria raccontare

De st'Urbin la situassion…

Capirà… gim t'el pallon...

El disastre è generale...»

«Figlie mie, male, male…

E che tu vorresti dire.»

«Sor Prefett stia a sentire:

Vria cmincè dal Municipi:

Non c' ha datt nisciun principi,

Non s'è vist ben fatt 'na cosa…»

«No! Nodizzia tendenziosa!»

«Ha fatt sol dle gran schifens!

A proposit adess ch' c' pens,

Ma 'l campsant chel murajon

Che 'n c'è più manch i madon,

Da per lu quel non se alsa!»

«Fije mie nodizzia falsa…

Non appena pubblicata

Ti verrebbe sequestrata.»

Ho capitt... fa com i pèr…

«S' pol sapé chel gran granèr

Tutt chi sacch, tutt chi quintèl,

Sa ch' s'aspetta ch' vagga a mèl?»

«E ma fije certamente

E' un pochin tendenzialmente

A portare del disordine

Turberesti, un poco l' ordine...

Perchè, figlie, damme ascolto

E' del prossimo raccolto

Che parlava lu manifeste…

Seguestrate pure queste!»

«Parlerò del camp boèri…

Ostia, hann spes un sacch denèri

T'el progett, t'le cartolin,

E pu' ha fatt 'na bella fin!...

El bell grupp per i cadut?

Il progett è stèt perdut!»

 

«Senti fije, queste cose,

Ti daranno spin per rose.

Questa legge è 'nu capestre

Come parli te sequestre!»

«Sor Prefett, stia a sentì,

M' diga lei cos' ho da dì!

Dirò ch' sem di disperèt,

Perchè creda, s' qualch danèt

Ciarbaltassa sopra e sotta,

Lei en ved un baoch ch' trotta

Le pègh calan, el pèn s' alsa…»

«No! per Dio! Notizzia falsa!...»

«Parlerò de sti industrièl

E i dirò chi v'à un po' mèl»

«Basta che ti tenga destre…

Questa en va sotta seguestre.»

«I' dirò, sensa lunèri

Ch' per esempi l'antiquèri,

L'antiquèri, st' disgrassièt,

Pol gì avanti in ste brutt stèt?...

La mobilia resta morta,

E se 'n c'è un poctin de scorta,

Chi ha da dè, ogg te fa 'l  mul,

Se fa prest a batta el cul!»

«Basta, basta! Passa avante

E' notizia un po' eccitante...»

«Pó… me vo' parlè de quelle

Che fa i sold sa le gabelle...»

«Fije mie, hai troppa boria…

Lei, lavora per la gloria?!»

«Beh dirò che men dolor

Quand el sor commendator

Manovrava la baracca...»

«Ah! la solita patacca!

Ma a te chi ti corregge?

Fjie mie, se stava pegge.

Credi a me, io te lo dico

Come fosti un caro amico

Ch'aggio a trarre dal malanno:

Sei caduto nell'inganno…»

 

«Beh! pr' en èssa seguestrèt

Io dirò ma sti urbinèt,

Sa 'l miglior di mi surris

Ch' sèm in mezz al paradis.

«Bravo, Bette! così va!

Chista è pura verità!»

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 19 - LA FIN DEL MOND

 

Strèg, incendi, morte, piant!...

En spariti com 'n incant…

Chi 'l credeva? Se sicur,

I manifest ch'eren t'i mur,

Manifest d' ogni color

Pieni d' panich, de terror

Annuncievne chièr e tond

Che el giorn p' la fin del mond

Era giunto per l'Italia,

P' sta Repubblica, chla balia,

Gent, ancora en l'ha lascèta.

Tun chi mur: tutt 'na sciapèta,

Tun chi mur: un sacch d' bugì

Per podè el vot carpì!...

Che s' p' el Front te votarè,

Da lundè, più 'n magnarè

E t' aspetta già la fin

De chel por cont Ugolin…

 

Chè l' America da dmèn

Chiud le port e 'l scatolèm,

I fagiol, medicinèl,

I vedrè sa 'l canocchièl…

E ancora: s' vè pel Front, (*)

Dmèn avrè da fè te i cont

Sa San Pietre ma la sù,

Sì, perchè votand per lu,

Sarà guerra, dittatura,

Distrussion, peste, paura

Invasioni de soldèt,

Russi, rossi, carr armèt

Ch'avria ardott ste por paes

In t'el fangh: sensa pió chies,

Sensa patria e… tutt la gent

Incatnèta fin' ai dent,

Via in Siberia… e ancora pegg!...

E difatti t'na città,

Democrista, quest se sa,

Per un cammion che in gran fretta

Consegnèt ha 'na cassetta

Ma 'na nota farmacia,

C' fù 'n spaghett, un scappa via…

Sfid!  T'el Camion c'era acsì

Scritt in rosso: "Russi & C."!...

E credevne sti minchion

Ch'arrivet fossa Baffon!

Mentre invec e questa è bona,

Era Russi, quel d' Ancona!...

 

E… ma st' popol più che oppress

'I hann promess quel ch' i hann promess…

'I hann promesso mari e monti…

Quand en git a tirè i conti

Lu s'è vist dentra 'l crugiol!...

Gent: en basta un chil d' fagiol

Dop tant'ann sensa lavrè…

L'italien en s' pó umiliè,

L'italien en s' prend in gir

Per du carte da cent lir

Sa 'na firma tutt i giorne

No! Ste popol guarda intorne,

Guarda intorne e infin ha vist,

Che sol lu rispecchia Crist!

E che cerchen da succhièl

Com ma Cristo, tèl e quèl!...

E se accus la borghesia,

De più accus la sagrestia

Perchè all'ombra ha lavrèt!...

Sa l'inferne lia ha cerchèt

D' avé i vot com al du giugn!...

'I èn sfuggiti prò dal pugn!...

Perchè 'l popol italien

En s'attacca in chle sottèn!...

Paradis o non paradis,

Non c' ha cres, en s' è divis

E compost, sa du sampèt,

El ventisett prèria ha mandèt

Tutt la rustica genia

Che sa 'l nerb e la bugia

Tienle ancora el vlevne schièv!...

Ed el mond, ch'ieri c' guardèva

S'eravèm i garibaldi

Contra i fasc i re i ribaldi,

Ogg c'ammira entusiasmèt!

Cert che non s' saria aspettèt

D' veda un popol tant deris

Èssa unit, èssa decis,

Da creass el su destin

fra 'na cova d' burattin!

 

(*)  Fronte Popolare, partito di sinistra

  

<INIZIO PAGINA>

  

- 20 - PICCHIO E LA RADIO

 

Gent, ogg m'è saltèt el ticchio

De parlè de ste gran Picchio (*),

Che un giorn s'è pres el luss,

D' facc passè tutti da pruss!... (**)

Picchio d' qua, Picchio de là

Picchio per tutta la città…

T'el caffè, in t' l'osteria,

Gent, una picchiomania,

C'era gita in t'el cervèll.

T'le vetrin grandi cartèll,

Telegramma, gran ritratt,

Ch' dipingevne ste mezz matt,

In t'un ton tant mai sincer,

Che ma tutt el mond inter,

Avria incantèt ste trapolon!

 

Prima in Cina, pu in Giappon,

In Siberia, al Polo Nord,

In Australia... e pu 'n m'arcord...

Tutt la gent diceva acsì:

«Lu ormai s'è mess malì,

E guadagna un scrull d' milion!

Capiret sa chel vocion!...»

Chi ved Picchio milionèri,

Chi el ved già miliardèri,

Chi el ved più disperèt

Perché: «Quel, è 'n sciuperèt!...

Sa chi basta mille lir?

Lu è svelt a daj el gir!

Sarà sempre disprèt dur,

Garantit, quest è sigur!

Quel ormai è un giovin pers!...»

 

E quei ch' guardne per travers?

J invidios, i maldieent? ..

Mormorevne pièn, fra i dént:

«Ma per forsa, ste bislocchj,

Vò ch'en faccia un sacch d' baiochi?! .

La fortuna… en se capisc?...

En se sà chi favorisc?

E… dim te, el vè a sentì?»

«Se me vò veda a morì!...

En 'i dagh soddisfassion!...»

(Guarda ch' rassa de person

In t'el mond sa da trovè! )

E se givi t'i caffè?

 

E Pianosi sa la moj?

I diceva lia: «En voj

Ch' fè tutt ste burattinèt!

Ma sarè poch incantèt...»

E lu svelt: «Per chi me prendi! ..

Sta sittina, t'en t' n'intendi...

Vò chi faccia tutt ste spes

Per famm rida dal paes?

Sentirè che concertin…

Ho fatt vnì cinqv sei violin...»

E la moj: «Se' 'n gran minchion

Dura pur, gim t'el pallon

E fa pur, fa quel ch' te pèr…

Ma tant io en ce vegh chièr!»

(La donna, o gent, se' matt? ,

L' odorèta ha com i gatt... )

 

Chi calor aveva pres

Fu Giassoni, ch' p'el paes

Sbraitèva a più non poss

E mostreva ma i pess gross,

Tant pr' alimentè la fiamma

Dl' entusiasmo, i telegramma.

 

E ma Frasca, l'avvochèt

L'ha chel giorn tant infiammèt

D' fai la testa com un mlon…

Cert ch' c'è vlut una posion

Un po' grossa d'aspirina

E qualch'altra medicina,

Oppur mezz quintèl de ghiacc

Per svoidèla de chle fregnacc…

E i diceva che alle sett

Tutt la gent, ricch e purett,

Sa 'l cor in propulsion

Erne pronti all'audission

 

Ch' Picchio, el gran concittadin,

Picchio, ormai l'idol d' Urbin,

Sa la voc tant mai possent

Avria fidèt ai quattre vent

Cansonett in tutt le lingv!

E non manchi ch' se distingv

La su voc a meraviglia…

Venga sa la su famiglia

El salut, allora c' và!

Intant vagh dal Podestà.

 

La Pompei?!  L'ha fatta bella...

Fec du giorn la sentinella

Per chiappè ma Picchio a tir,

Quand l'ha vutt, sa 'n gran sospir

Ch'i è partit propi dal cor

'I ha dett: «Picchio, per favor

Lei me faccia scritturè...

Che gran gioia è per me

Podè fè sentì la voc...»

Picchio 'i occhj a traverson:

«Signorina en stia t'le croc

C' parle io sa 'l padron.

A Milèn i so' influent,

Io, content: tutti content!»

Sentì subit la Pompei

Un ronzio in t'i capéi,

I pareva d'èssa già

Prima donna èssa malà

A cantè ma i continent

Chle romanz ch' mettne spavent

Ma l'artiste de cartell…

 

E Brogioni? In t'el cervell

Anca lu s'era fissèt

D' podè èssa scritturèt.

Ma siccom era in bolletta.

Via a cerche d' fè 'na colletta,

Per comprass un bel violin,

Ch' fè 'i avria 'n sacch d' guadrin!

E diceva, ancora lu:

«Ah, sì, sì! en lavor più!

Voj d' ventè 'n gran milionèri!

E i guadrin com i lunèri!

Ormai i' 'n ho più paura,

Dagh un calc ma la scultura

E chi m'ha vist, m'ha vist!»

El fiol d' Zurlo che tle pist

Un po' bone el vleva portè,

Ma lu i fa considerè,

Ch' era cert 'na montatura,

O sigur 'na fregatura,

E Brugioni indiavolèt:

«M' meravei! pu te è studièt …

Ma è stèt un chèn davver

Quel ch' promoss t' ha ragionier!...

E se ved che se' un minchion!

L'apparecchj de trasmission,

C'è a Milèn, a Roma... e te!...

Cerchi da imbroiè ma me?!

Te, me vò intralcè 'l cammin? ?

No! No!... Quel è 'l mi destin!...

Zurlo, dim, en te fagh pena,

Sa in tle spalle chi sacch d' rena

Ch' fann calè certi sudor…

Adess ch' trov 'na cheva d'or

Te me vieni a metta sù?

Credi ch'io sia tant zulù

D' en lascè la mi fatiga?!

Ragionier: vali una ciga!

S'è 'n ragionier che non ragioni

Sta sigur, te 'l dic Brugioni!

 

Gent, fra tutti sti coscritt,

C'era ancora el sottoscritt

ma mi moj la sera i fagh:

«Sta sentì, vò vnì? I' c'vagh!...

mett i guant…»  Lia «Per sa fè!»

«Mett i guant… gim a caffè

Capirè c'è la gent ricca…

«Tant va grassa?!»  «Fèm a cricca!

Ma lu ancora en l' èm bollèt,

Chiapperem du o tre arancièt.»

«No! en vengh sensa guadrin…

Te salut! Dam un bascin…»

T'el caffè 'n spodeva entrè.

Allora anch'io giù a pensè,

Per podè scocciè i minchion

E tacchè un bel botton

Ma sti grandi dl'apparecchj.

Pens da gì t' l'Università!

Pensand, quand sarò malà,

Pepp, d' sigur en m' dic va via!...

Pu malì c'è la mi sia…

 

Ma prò, gent, per falla corta,

Anch malì chiusa la .porta!

Arvagh via tutt avvilit,

Quand un dic: «Betti è sentit?!

Chel guerciacc c'ha intrappolèt!...»

«Com saria? E 'n' ha cantèt?»

«No! Ha cantèt da Bernardini,

Sa Peppin ed altri affini

Sen riunit tutti in famiglia,

Per scolè qualca bottiglia

E a st' ora en tutti cotti!

E noiatre che fagotti!...»

«En ce cregh!»  «Già ogni tant

C'era Ligi, Don Bramant?!»

«E ch' sa fèva?»  «Com la volp,

Giva, niva de gran colp

Per guardè la fregatura

E c'aveva 'na faccia scura!

Avria ingannèt anca ma 'l diavol.

Me credet? Pareva S. Paol!...»

 

El gobacc fèva da spola…

In t'el pièn c'era la fiola…»

«Adess fai du tre righett!»

«Se! ch' sa cusc i fassolett?»

Ho magnèt subit la foja:

«Te salut - digh - en ho voja,

M' sent un dolorin de testa…»

Vagh in piassa, ostia che festa!

Picchio c'ha intrappolèt,

ma 'i ha da costè salèt!...

Picchio è a Roma, è a Milèn,

In Urbin, ma le Cesèn,

T'la su chesa, dal dottor!...

Basta insoma un gran clamor!

Chi l'ha vist alla mattina,

Ch' Piccio giva t'la latrina…

«Mo sta sitt, i' l'ho incontrèt!

En fè cla faccia da incantèt!...»

Basta fin a mezanott,

un per chl' atre di fagott,

I su pro e 'i avversèri

S' vdevne, o gent.  E sti lunèri

Hann durèt diversi giorne,

Fin che Picchio ha fat ritorne.

'I ho dmandèt, ma lu innocent:

«Io d'tutt quest?! E chi sa gnent!...»

E me fissa sa chi occhiacc …

Pu me fa: «'N antre cassacc

L'ho trovèt in t'i mi pass

Quant sarè testa de … stupid!

 

(*) Picchio: soprannome affibbiato ad un certo Pianosi, urbinate provvista di bella voce

(**) Pruss: probabilmente, prussiano, crucco

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 21 -  CHI DEVE VENIRE! CHI VIENE! CHI NON E' VENUTO

 

Bona gent i' per sta volta

V' ho chiamet machì a raccolta

Pr' arcontav a fil a fil

Ch' sa è success el cinqu april

P' la gran festa d' Raffaell...

Un sussur per la città,

Che una grand autorità

Da nó era in tun chel giorne.

I pess gross hann fatt ritorne

Per trovall machì sigur.

Hann pulit perfin i mur!...

In asion tutt i spassin

Per pulì strèd e latrin...

I balcon e le faccièt

Tutt de nov arvernigièt...

Sbucci ha vut l'ordinassion

Per centmila e più lampion...

Hann cmidèt ben el selcièt...

(el giorn dop era in bon stèt)!

Avevne pu ma la stassion

Infiorèt port e balcon,

De fior bianch e de fior ross,

Per riceva sti pess gross...

 

Machì pó i più moscardin

Hann fat vnì frach e bombin...

Eh?!  Dit d' no?... Com?... En è vera?!

Da Marini altre che fiera!...

Tutt el giorne un va e vien

Per guardè si stevne ben.

E Marini s' en s' vergogna

El che a Bologna

J ha tocchèt gì all'istant

Che ma 'l Sinich e l'aiutant

El cilindre en j era bon.

Sfido io! Sa chi teston!...

El concert ben preparèt

Sa i pess più prelibèt.

Sol manchèvne i dissident!

Basta insomma, o bona gent,

Un grandios avveniment

Ch'avria avvièt el nostre Urbin

Vers un molt miglior destin.

 

Donca adess per fè più prest,

Alla sera un manifest

Sventolava a farfallon

Chel Ministre dl'istrussion

Per ste gran festeggiament

Fra de era certament...

E... che tutt l'autorità

J 'stitut della città

J Ent e tutt le associasion

Con bandier e gonfalon

Vnisser per la gran tornèta

Perchè acsì una giornèta

Non spassèva più in Urbin!...

 

Ma dle volt, ch' sa vò el destin,

Benché sempre è contra d' nٕó

Un brutt tir cert ci giocò.

Dop ch' s' è fatt pu tutt chle spes

Dop ch' sot sopra fu 'l paes,

S' apprend, gent, alla mattina

Che la febra scarlatina

Tun chla nott, ma guarda el chès,

Ma 'l Ministre l'eva invès!...

Cera ancora da sperè

Perchè aveva d' arrivè

Su Ecc. Mattei Gentil!...

Ma un d' chi cos ch' va sensa fil

Annunciava ch'anca lu

Non podeva ormai vnì più

Che in chla nott, s' la ment en falla

J èva pres la febra gialla!

 

Com'è armasto l'urbinèt

Certament l'avret pensèt!

Fort urlevne com i matt:

«Quest è 'n pesc un po' artefatt!

Quest è 'n schers ch'en va per gnent.

Quei dle bomb, pu j accidenti!...

E dicevne : «Adess com fèm

El bombin com l'artrovèm?!

C'era pu Pietrino Fonti

Che sbraiteva: «Questi tonti

Che cvedevano davvevo

Che un uom del ministevo

Accovesse a questi fatti?

Ma pevdio, siamo matti?!

Pev festeggiave Vaffaello

Che mandassevo il bidello!»

Basta, insomma i minchionèt

Saran sempre j urbinèt.

 

Ma ametem ch' fu un pesc d'april,

Beh, anch' i' quest el voj dil

Ma pensem, s' en ve rincresc,

Non ve pèr ch' sia tutt un pesc?

Mo lasc gì pr' en dè dolor

Ma 'l signor Commendator...

E ve dagh el mi conged:

Ma arcordetve ch' brutt se ved

P' sta città illustre e cheta.

I' en voj èssa profeta,

Ma un fatt, gent, è sigur:

Per Urbin se ved tropp scur!

 

<INIZIO PAGINA>

 

- 22 - UN   GIORNE  A  S. GIROLME

 

Fu 'na sera vers le sett,

a ingrampàm m' sent p' el colett

e pièn, pièn, a sollevèm...

I' so' armast com un salèm!

Quest è un, digh, ch' certament

vol buschè qualch pugn t'i dent.

M' volt per dai un cinquinon;

era du' strappabuton!

Pront fa un: «Fiie d'un cane!

Esso è isse!... Paesane,

Fate voi la poesia?

Via allor per questa via...»

«Verament i' c'ho da fè!

Non ve poss accompagnè.

Vdét ma là cla donna ferma?

Voltèt gió, c'è la caserma.»

«Ne, burrì, parlate poche,

via con noi in chillo loche,

basta ormai con questa guerra!»

En tocch i pied per terra,

da malì fin ma la giù!

«Marescialle, è lu vajù.»

 

Steva quest in t'na poltrona

spoltracèt com 'na matrona

e me dic: «Sei imputato

perchè il naso hai tu ficcato,

nella legge dello stato»

«Maresciall, ma certamente

C'è un equivoch!...»  «Niente, niente!

Sei un rettile dannoso!

Sei assai pericoloso!...

Troverai gaudi e tripudi

Un mesetto stando... agli studi!»

«Oh per quest, i' so' content,

S' magna, s' bév, non se fa gnent...

Non se va a chesa cott,

S' pensa i numer per el lott,

S' canta, s' gioca qualch campèna,

S' pol balè qualca furlèna;

Non te scoccia i minchion

El nolant  per la pigion,

En te tira p' la giachetta,

Chi ha d'avé qualca liretta...

Ved?... per nocia en vien el mèl.

Io 'n so com ringrassièl!»

 

Dop ch' m' hann méss intorn ai bracc,

Un lucchet, sa du' catnacc,

'Na catena intorna al pett...

(M'éven prés per un lombett! )

«Maresciall - i digh - en créd

D' mettme 'l cepp anca t'i pied?»

«Basta, basta, non celiare...

Dimmi come vuoi su andare,

in carrozza, oppure a piedi?

Ma... puoi tu fare come credi!»

«La carossa è tropp de luss,

Ce vlem gi' sa l'autobuss?»

«Si, va ben... potete andare!

Lo dovete collocare

Nella cella dopo il venti.

Che non fugga, state attenti!»

«Maresciall per precausion,

Mandi dietra qualch canon!

Capirà, lei sà, è un moment...

Se i prendessa 'n accident?...»

Passém dietra l'ospedèl

E l'ingrèss fagh trionfèl.

M'hann schiafètt  t'na cameretta

Com 'na stifa, stretta, stretta,

Sensa luc e sensa èria...

Gir d'intorne e pu guard pr' èria

E te vegh tutte compagn,

Cert paréte de telaragn...

 

Digh: «Machì c' staria bnón,

Quei dl'urnet, cla commission...»

Su pe'l mur chi animalett,

Larghi com le scaldalett

Te giochèvne a rimpiattin.

Quand arriva el secondin,

Svelt i digh: «Oh, paesèn,

S' pol avé 'n cuncin de pèn?»

Lu più svelt: «A nè sfaccimme,

Per domane provvedimme...

Prende intante lo lumine,

Dormi in pace e sta bonine.»

«Un lumin! Buttle in t'el port...

E ch' sa ho da vegghiè 'l mort?»

Ló me fa 'na giravolta,

Dà du, tre schiavèt t'la porta,

E gent, bona nott ch'è scur!

Ecca Betti già al sicur.

Cmincia ben la mi carriera :

Invec dla gloria, la galera!

 

Per Urbin tutta la gent,

I ciù, ciù, i ragionament;

Chi calor pió aveva prés

Era 'l Sindich del paés

Che t'el bar de Valentini,

Sa i Coen e i Lucciarini

Fort sbraitèva: «Finalmente

Hanno pveso st' accidente!   

Tvoppo mi vompeva i tacchi...

Or che guavdi il sole a scacchi...»

Rimbecchèva un del tersett:

«Dic ch' n' avrìa per un mesett.»

Ma pront lu: «Sono avvocato

E mi sono intevessato...

Già savanno pvonunciati

I lavovi più fovzati...

I pvim'anni di pvigione

Li favà a Portolongone.

Ma pevò questa è un'inezia,

Quello, ai piombi di Venezia!

Ma lasciamolo al suo stato...

Un altv'uomo è eliminato!»

Éva, i cont, fatt sensa l'ost,

Io ér poch lontèn dal post.

Ér scappèt alla mattina

Dalla S. Gerolimina.

Da mezz matt, lor m' hann passèt,

E m' hann subit arlascèt.

 

Non v'arcont quel ch' ho patit

Alla nott tun chel piangit,

Chi animèl erne indiavlèt

Da per tutt m'hann assagièt!...

Me par tant che 'l Commissèri

E' un pesstin ch' me guarda brutt

Ma... insomma dopo tutt

Non m'avria da prenda in uggia,

En è vera Com...,

Sarà mej a gì a fuggia!

 

<INIZIO PAGINA>