Addio Urbino,

chissà se ti rivedrò.

Ma anche quando sarò morto,

quando mi porteranno sotto i cipressi

io ritornerò lo stesso,

e qualcun dirà ogni tanto:

"Avete visto, è ritornato Bramante!

URBINO e la sua SCUOLA del LIBRO

sono universalmente grandi

specie per l'amore dei suoi cittadini-scolari

che, costretti ad allontanarsi per lavoro,

con passione e maestria hanno esercitato e professato l' Arte acquisita

con la loro Città sempre nel cuore

 

 

QUI  SOTTO L' AFFRESCO CHE  RICOPRE UNA PARETE DELLO STUDIO DI  BRAMANTE

A sinistra in rosso ha scritto i versi sopra riportati

Al centro in nero altri 8 versi sotto riportati

A destra appena leggibile una quartina

 

 

Adio Urbin,

chisà se t' arvedrò.

Ma anca quand morirò,

quand me porteran sott'ai cipress

io artornerò lo stess,

e qualcun dirà ogni tant:

"Avet vist, è arnut Bramant !

 

M'arcord tant de cle serat

sa la luna, t' i Capucin,

da dov s'vdeva tutt Urbin

con fossa stat de giorne

e tutt intorne

cantaven i grill e 'i usignol

dentra le cerque de Risciol

Quan temp è pasat!

ormai me so' invechiat

e ogg ci artorne .....

ar ......

 

 

 

 

 

La musica di fondo è ricavata da Youtube:

s006221 10 agosto 2007 — Pietro Mascagni: Cavalleria rusticana - Intermezzo
Lim Kek-tjiang conducts Evergreen Symphony Orchestra
http://www.youtube.com/watch?v=7OvsVSWB4TI